Borsa responsabilità sociale d’impresa 2014, chiusa la due giorni di convegni

28 e 29 novembre sono state due giornate interamente dedicate al convegno nazionale che ha visto protagonisti presidenti e segretari generali di Fondazioni della Comunità del Mezzogiorno.

Si è appena conclusa la Prima Borsa della responsabilità sociale d’impresa 2014, una due giorni ricca di spunti di riflessione e azioni progettuali concrete rivolte allo sviluppo del territorio salentino e del Sud Italia in generale. I momenti maggiormente rappresentativi delle diverse attività sono stati quelli che sia il 28 che il 29 novembre hanno coinvolto una grande presenza di enti, associazioni e cittadini che hanno approcciato una reale azione di progettazione partecipata.

Il 28 novembre si è tenuto il convegno nazionale “Un nuovo modello di welfare: il ruolo della Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno” che ha visto protagonisti in particolare diversi segretari generali e presidenti delle Fondazioni di Comunità del Mezzogiorno. La splendida introduzione del prof. Franco Riva che ha “ceduto” il titolo del suo libro “Ripensare la Solidarietà” quale pay off della Fondazione di Comunità del Salento, per tale motivo ha introdotto delle tematiche innovative legate al termine stesso di solidarietà, questa splendida disamina del ruolo della solidarietà soprattutto nei contesti difficili dove ci troviamo ad operare.

Successivamente ha preso la parola il Presidente della Fondazione di Comunità del Salento che ha ospitato la Borsa appena inaugurata. Il Presidente ha illustrato il quadro d’insieme delle condizioni sociali ed economiche del nostro territorio e ha ribadito il compito della Fondazione di Comunità del Salento e gli obiettivi dell’evento in avvio, quello principale di coniugare, in progetti virtuosi il mondo del profit e quello del non profit. L’intervento ha suscitato consensi e generato ulteriori domande tra il pubblico che ha plaudito all’iniziativa e ha voluto incentrare il senso dell’evento sugli aspetti maggiormente pratici sul concetto della Responsabilità considerandola alla base di una condizione legata alle diverse situazioni sociali dei territori.

A fornire ulteriori spunti di riflessione è stato il magistrale intervento del Presidente della Fondazione con il Sud Carlo Borgomeo che ha insistito sul tema della Comunità quale soggetto attivo di coesione sociale che espleta il proprio ruolo soprattutto nel lungo periodo e quindi di conseguenza anche la Fondazione di Comunità ha proprio il ruolo quale essere un punto di riferimento responsabile per un territorio. All’iniziativa ha partecipato anche il Presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il segretario generale di Assifero Carola Carazzone, il presidente della Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli Mario Massa, il rappresentante della Fondazione Comunitaria Salernitana Andrea Pastore, tutti hanno fornito il punto di vista dei loro territori sul sistema del welfare di Comunità.

Nella seconda giornata, definita della Borsa vera e propria dove si sono incontrati i mondi del profit e del non profit del territorio pugliese che hanno condiviso dei tavoli di progettazione partecipata orientati al futuro dei giovani ed al welfare ed al supporto che il territorio può fornire attraverso l’agricoltura, l’ambiente, il turismo e la cultura. Al termine dei tavoli sono stati presentati dei progetti di sviluppo perseguibili che verranno implementati durante la prossima programmazione in azioni di partnership profit-non profit. Al termine dell’evento che ha coinvolto le organizzazioni rappresentative del territorio salentino e non solo, sono stati conferiti i Premi della Solidarietà 2014 all’Associazione Libera di Don Ciotti per l’opera meritoria di prmozione dei principi di legalità e giustizia e al dott. Oronzo Sticchi della Svic Srl di Lecce un’azienda che ha coniugato la solidarietà concreta direttamente nell’operatività rivolta al non profit. 

(di Gabriele Ruggiero)



In questo articolo: