Catturata a largo di Castro una ricciola imperiale da 48 kg

A pescarla Pasquale Schifano e il figlio Antonio. La ricciola è stata tirata su da 25 metri di profondità perché imbrigliata nella rete da posta.

Oltre 48 chili di peso per una lunghezza di circa un metro e mezzo.

Sono queste le dimensioni record di uno straordinario esemplare di ricciola imperiale catturato a largo di Castro, su un fondale di circa 25 metri.

I protagonisti e gli artefici della pescata da guinnes sono stati Pasquale Schifano e il figlio Antonio.

Per trainare a bordo della barca il grosso pesce c’è voluta pazienza e molta fatica. La ricciola è stata tirata su, infatti, da 25 metri di profondità perché imbrigliata nella rete da posta.

La ricciola è un pesce che mediamente raggiunge pesi di circa 10-20 kg, mentre il gigantesco esemplare catturato da Pasquale e il figlio Antonio, ha una stazza pari a ben oltre il doppio della norma.

Nel periodo autunnale le ricciole si avvicinano alla costa in cerca di cibo e quello catturato a Castro ha avuto la sfortuna di imbattersi nella famiglia Schifano e nelle loro reti da posta.

“Dopo la foto di rito – fa sapere Giovanni D’Agata, presidente dello ‘Sportello dei Diritti- hanno  potuto mostrare con orgoglio la straordinaria preda ad amici e appassionati di pesca, prima che fosse aggiudicata all’asta dalla titolare di un ristorante.

C’è da ricordare che gli stessi pescatori tre anni fa catturarono nello stesso posto uno squalo della specie “capopiatto” dal peso di 160 chili, lungo 3 metri e mezzo.