Cedimento del manto stradale in via Battaglini: ennesima segnalazione allo ‘Sportello dei Diritti’

Strade e marciapiedi a Lecce. Le segnalazioni del cittadino su via Battaglini giunge anche allo ‘Sportello dei Diritti’ dell’avv. Giovanni D’Agata. ‘Speriamo che il Comune provveda presto a prendere provvedimenti’.

Non sarebbero bastate le numerose richieste d'intervento agli uffici comunali leccesi. Così, nel tentativo di smuoverli, un cittadino si è rivolto allo “Sportello dei Diritti” per segnalare l’immobilismo dell'amministrazione nel porre rimedio ad un problema che non riguarda solo il decoro urbano, ma anche la sicurezza di pedoni e automobilisti. Siamo su via Battaglini, a Lecce, e le foto – perfettamente visibili sul sito dell’associazione salentina – appaiono più eloquenti di qualsiasi altra parola.

Un preoccupante cedimento del manto stradale e del marciapiede, per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, “richiedono un intervento immediato di manutenzione per evitare eventuali problematiche all'incolumità pubblica e per ripristinare il decoro urbano”. In effetti, scorrendo le immagini, quel tratto tutto sembra fuorché stabile. Pensiamo, ad esempio, alle persone anziane. A quali e quante difficoltà potrebbero sopraggiungere. Oppure ai soggetti disabili. In tal caso la non adeguata manutenzione diviene una vera e propria barriera architettonica. Da abbattere al più presto, si spera.

Ecco perché l’ennesima denuncia dello sportello salentino vuole essere una critica costruttiva, affinché chi di dovere si adoperi immediatamente ad eliminare il disagio: “Ci auguriamo quindi che dopo la nostra segnalazione – conclude D’Agata – il comune prenda atto e provveda con solerzia”. Altri esempi, purtroppo, non mancano. Basti pensare alla segnalazione di Diego Dantes – avvenuta più o meno ad inizio estate – in cui venne messa alla luce la situazione degradante di viale Ugo Foscolo, a due passi dal Quartiere Santa Rosa. Anche lì, in quanto a marciapiedi divelti e pericolosi, c’è davvero tanto da lavorare.  

Tiziano De Giorgi



In questo articolo: