Che belle le luminarie di Santa Domenica, ma quella è¨ la scritta Tap?

Cambia il paese, cambia la festa patronale, la sponsorizzazione, perè², pare essere sempre la stessa. Dopo San Pietro e Paolo a Galatina ora tocca a Santa domenica a Scorrano. La scritta Tap è¨ sulle luminarie.

Un deja-vu? Macché. Così quanto accaduto a Galatina dove in occasione della tradizionale festa in onore di San Pietro e Paolo sul banco degli imputati dell’opinione pubblica era finita la scelta da parte della Trans Adriatic Pipeline meglio conosciuta semplicemente come Tap di sponsorizzare l’evento religioso facendo apporre il logo della multinazionale sui manifesti 6×3, si è ripetuto a Scorrano in occasione di un’altra festa patronale, quella in onore di Santa Domenica, altrettanto sentita e popolare.

È il Comitato No tap, che da sempre si batte contro la realizzazione del gasdotto transadriatico che dovrebbe portare il gas naturale dall’Albania in Italia con approdo proprio a San Foca, a pubblicare la foto “incriminata” sulla pagina facebook ufficiale con tanto di commento «C'è chi ci contatta orgogliosamente per aver rifiutato i soldi della pubblicità di TAP e c'è chi si vende per un piatto di lenticchie: Santa Domenica, Scorrano».

Le cose saranno andate molto probabilmente così: ieri, giorno in cui si è accesa la madre di tutte le feste qualcuno non avrà potuto far a meno di notare le 3 lettere che compongono la scritta TAP, tra le luci sfavillanti e colorate delle bellissime luminare che, anno dopo anno, attirano migliaia di curiosi e fedeli in un mix di devozione, fede e spettacolo impossibile da spiegare a parole. E quel qualcuno sarà doppiamente rimasto senza parole, lì con il naso all’insù alla ricerca di una spiegazione.  
 
«Tentativo "subdolo" di creare consenso attorno al controverso progetto». Se per Galatina la presenza della multinazionale (anche sulle brochure della festa dove la dicitura recitava testualmente "Energia a vocazione turistica" e con delle bandierine apparse accanto al palco nel giorno dedicato al cantante) era stata definita con queste parole, aspettiamo di vedere cosa accadrà a Scorrano, una volta che le luci, quelle delle impalcature, si saranno spente. Quelle dei riflettori…forse resteranno accese ancora per un po'.