‘Come entro nel PUG’, a Copertino le idee dei cittadini per dare vita a un laboratorio urbano

L’iniziativa, innovativa e fortemente voluta dall’Amministrazione Comunale porterà ad un laboratorio urbano finalizzato a raccogliere idee e contributi per costruire un piano partecipato per la comunità e per il territorio.

Governare le trasformazioni urbanistiche, ambientali, socio-economiche, culturali interagendo con i cittadini in modo che questi vi si riconoscano e vi ritrovino idee, aspirazioni e sogni. È questo l’obiettivo di “Come entro nel PUG?”, un progetto innovativo fortemente voluto dall’Amministrazione Comunale di Copertino che, attraverso il coinvolgimento della cittadinanza, porterà ad un laboratorio urbano finalizzato a raccogliere idee e contributi per costruire un piano partecipato per la comunità e per il territorio.
  
Il progetto prevede un intenso calendario pieno di eventi alla scoperta del territorio inesplorato di Copertino, recentemente inserito tra i Borghi Autentici d’Italia. I numerosi appuntamenti che si susseguiranno fino all’11 giugno, hanno come fine ultimo quello di conoscere ogni angolo della città, dal centro alla periferia, dal borgo alla campagna. Nel corso delle esplorazioni, verranno raccolte informazioni su masserie, cappelle votive, sulla macchia mediterranea, verranno segnati percorsi pedonali e cicloturistici. Tutti i dati collezionati consentiranno di creare la prima mappa turistica di comunità, una mappa disegnata dagli abitanti e dalle associazioni.
  
Il 29 giugno, nel corso di un dibattito pubblico, verrà presentato il Documento Programmatico Preliminare del PUG ai cui seguirà l’attivazione di focus group di approfondimento dei temi e problemi del territorio fondamentali per le scelte del Piano Urbanistico che si sta formando.
  
«Stiamo lavorando ad un PUG a dimensione umana – ha sottolineato Laura Alemanno, vice sindaco e assessore alla Progettazione – dettagliato e preciso sul piano tecnico, ma ricco di particolari frutto di un’interazione reale con il territorio. Le iniziative organizzate rappresentano la volontà di continuare e sviluppare un intenso e strutturato percorso partecipato con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza. Ogni attività in calendario è il prodotto dell’interazione del gruppo progettista con le associazioni attive sul territorio che hanno accolto l’invito avanzato dall’amministrazione di realizzare con metodi innovativi un Piano Urbanistico più vicino alle esigenze degli abitanti. La costruzione della prima mappa turistica di comunità, focus group, talk pubblici sono solo alcuni dei processi innovativi che andremo ad attivare per raggiungere l’obiettivo comune di un territorio a dimensione umana».



In questo articolo: