A Galatina consegnati 51 brevetti di pilota della Scuola di Volo

La cerimonia, presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Luca Goretti, ha visto inoltre la partecipazione del Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Silvano Frigerio

Nella giornata di ieri, nella suggestiva cornice di Piazza Dante Alighieri a Galatina, si è svolta la cerimonia solenne che ha visto la consegna dei brevetti di pilota militare a cinquantuno allievi, provenienti dalle Scuole di Volo dell’Aeronautica Militare (61° Stormo di Galatina, il 72° Stormo di Frosinone e la Scuola Addestramento Trasporti Aerei di Pratica di Mare). L’evento celebrativo è stato organizzato dal Comando Scuole dell’A.M./3^ Regione Aerea di Bari, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Galatina e ha visto la partecipazione calorosa della cittadinanza e dei familiari dei neo-piloti militari.

La cerimonia, presieduta dal Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, ha visto inoltre la partecipazione del Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Regione Aerea, Generale di Squadra Aerea Silvano Frigerio, dei Comandanti delle tre scuole di volo dell’AM, del Sindaco di Galatina  Fabio Vergine e di numerose autorità territoriali civili e militari.

La provenienza dei cinquantuno brevettati conferma la vocazione interforze e internazionale delle Scuole Volo dell’Aeronautica Militare. Infatti, tra loro, oltre ai trentasette dell’Arma Azzurra, quattro  appartengono alla Air Force della Repubblica di Singapore, due all’Hellenic Air Force della Grecia, tre all’Arma dei Carabinieri, due alla Polizia di Stato e tre al Corpo dei Vigili del Fuoco.

Durante la cerimonia, è stata conferita la “Medaglia d’Oro al Merito Aeronautico” concessa dal Ministero della Difesa al 61° Stormo: un riconoscimento prestigioso che celebra il ruolo fondamentale della scuola di volo salentina nell’addestramento avanzato e multinazionale al volo. A latere dell’evento, inoltre, durante una breve cerimonia presso la casa comunale, la città di Galatina è stata ufficialmente denominata “Città del 61° Stormo dell’Aeronautica Militare” a testimonianza del forte legame tra il territorio e l’Arma Azzurra.

A tal proposito il Colonnello Vito Conserva, Comandante del 61° Stormo ha dichiarato: …E’ un vero onore per lo Stormo – che ho il privilegio di dirigere – ricevere questo duplice riconoscimento. La medaglia evidenzia il ruolo di spicco svolto dallo Stormo quale realtà addestrativa avanzata, multinazionale e moderna nel campo della formazione del personale navigante, capace di valorizzare i sistemi tecnologici all’avanguardia di cui è dotata, tra l’altro prodotti dall’industria nazionale. Inoltre, l’intitolazione della città di Galatina allo Stormo – che ci riempie d’orgoglio – evidenzia il rapporto sinergico tra la realtà aeronautica ed il territorio che la ospita da oltre 90 anni…”.

Derogando alla prassi del protocollo della solenne cerimonia, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, generale di squadra aerea Luca Goretti ha iniziato così il suo intervento: “…Aleggia l’inconsolabile tristezza della perdita di due nostri uomini, accaduta solo ieri a causa di un tragico incidente automobilistico avvenuto a Grosseto: il Tenente Riccardo Latino, figlio di terra salentina ed il primo maresciallo Francesco Antonio Guglielmucci. A loro e ai feriti, dedichiamo un addolorato pensiero e il forte abbraccio di tutta la Forza Armata. Alle loro famiglie ed affetti più cari dico che non sarete soli nel vostro dolore…” e proseguendo ha rimarcato: “…I neo-brevettati qui presenti sono proprio la prova concreta di come l’esperienza dell’Aeronautica Militare, ormai basata su oltre cento anni di operazioni, sia un riferimento essenziale per tutti coloro che fanno del volo la loro professione. ma questi ragazzi sono anche la concreta testimonianza della nostra volontà di agire con la passione, il rispetto e la generosità di sempre per il bene del nostro amato Paese…”. E rivolgendosi ai nuovi piloti militari: “…Siete i piloti del nuovo millennio e del secondo secolo di vita dell’Aeronautica Militare e in forza di ciò portate con voi tutto il meglio delle esperienze passate ma anche lo spirito indomito di sfida che hanno caratterizzato coloro che ci hanno preceduto. A voi il compito di mantenere ed accrescere nel futuro queste qualità per conseguire quei traguardi sempre più sfidanti ed ardui, ma proprio per questo carichi di maggiori responsabilità e soddisfazioni”.



In questo articolo: