Statua di Sant’Oronzo, un sopralluogo sulla colonna. Salvemini: “Obiettivo posizionare la copia prima della festa del 2023”

L’ispezione per acquisire le ultime informazioni in vista della presentazione del progetto definitivo. A novembre partiranno i lavori per la realizzazione.

Terminata la raccolta fondi “Insieme per Sant’Oronzo”, nella quale, grazie anche alle donazioni private, sono stati reperiti i fondi per la realizzazione di una copia, nella mattinata di ieri, si è svolto  un sopralluogo con carrello elevatore sulla colonna romana di Piazza Sant’Oronzo da parte dei tecnici della Fonderia Nolana Del Giudice insieme ai consulenti del Dipartimento di Beni Culturali e del Dipartimento di Ingegneria dell’Università del Salento per acquisire le ultime informazioni in vista della presentazione del progetto definitivo della copia della statua del santo patrono alla Soprintendenza.

Durante il sopralluogo, i tecnici – alla presenza del direttore del Dipartimento di Beni Culturali Raffaele Casciaro e del Rup del Comune di Lecce Silvio Cillo – si sono concentrati sulle modalità di ancoraggio della statua al pulvino della colonna.

Una volta presentato il progetto definitivo della copia alla Soprintendenza e avuto il via libera a procedere, si passerà alle fasi operative di realizzazione dell’opera in bronzo che andrà a sostituire l’originale in cima alla colonna della piazza.

«La realizzazione della copia della statua di Sant’Oronzo – ha dichiarato il sindaco Carlo Salvemini – passa da tante procedure tecniche che vanno seguite con scrupolo. Siamo ormai alle ultime battute e, in autunno, partiranno i lavori veri e proprio di esecuzione dell’opera con l’obiettivo di posizionare la copia sulla colonna prima della festa del Santo Patrono del 2023».

Nel frattempo, la Fonderia Nolana ha fatto dono all’Amministrazione Comunale di una miniatura in scala della copia eseguita sulla base della scansione 3D dell’originale. Non fa fede solo il colore diverso della miniatura rispetto a quello che verrà realizzato, identico anche sotto quest’aspetto all’opera autentica.



In questo articolo: