«Invece di litigare è¨ meglio conciliare». Scopri la mediazione online della Camera di Commercio di Lecce

‘ConciliaCamera’ è¨ un servizio online che consente ad imprese, consumatori e professionisti di ricevere assistenza specializzata. Conciliare tra attraverso la mediazione e l’arbitrato per risolvere piè¹ velocemente questioni di controversie.

«ConciliaCamera» è la soluzione tecnologica del sistema camerale per la conciliazione online. Un servizio online che consente ad imprese, consumatori e professionisti di ricevere assistenza specializzata nel raggiungimento di un accordo per risolvere in modo semplice, rapido, economico e sicuro una controversia, evitando di ricorrere alla giustizia ordinaria

Si sta affermando sempre più, tra imprese e privati, la cultura e la convinzione sociale che la conciliazione dei conflitti di natura civile e commerciale che possono eventualmente insorgere, sia più utile che av­venga in sede extragiudiziale attraverso un procedimento di A.D.R. (Alternative Dispute Resolution –dei diritti anglosassoni), quali la mediazione (che ha preso il posto della vecchia conciliazione) e l’arbitrato. Alternative che hanno il duplice vantaggio di avere un minore costo e una maggiore rapidità rispetto alla giustizia ordinaria. Un dato di fatto confermato anche dai numeri. Secondo il Sesto Rapporto Isdaci nel Belpaese sta crescendo sempre più la domanda di giustizia  “alternativa”. Un più 72% di Adr. A fare la parte del leone, com'era lecito aspettarsi, la mediazione civile e commerciale, che ha registrato un numero di domande pari a 154.879, addirittura +154,7% rispetto all'anno precedente. 

La mediazione, infatti, è una procedura di risoluzione alternativa delle controversie, volontaria, riservata e non vincolante, nella quale un terzo neutrale aiuta le parti a raggiungere un accordo. 
Per questo, vista la professionalità, diffusione sul territorio ed equidistanza tra gli interessi dell'impresa e quelli dei consumatori, al sistema camerale è stata assegnata la facoltà, singolarmente o in forma associa­ta, di “promuovere la costituzione di commissioni arbitrali e conciliative per la risoluzione delle controversie tra imprese e consumatori ed utenti”. 

Oggi più che mai, l’immagine e la reputazione di un’impresa sono elementi fondamentali in un contesto economico e globalizzato come quello attuale. Se a ciò si aggiunge anche la sensibilità nell’ascoltare i reclami dei clienti, la stessa impresa ha così maggiori possibilità di ac­crescere e favorire la ripresa e la continuità dei rapporti contrattuali esistenti con i propri clienti e fornitori.

In quest’ottica, l'Unione Nazionale delle Camere di Commercio (Unionca­mere) ha curato l'elaborazione e la redazione di una regolamentazione standard sia per la concilia­zione che per le procedure arbitrali. In pratica si è trattato di determinare alcune linee guida per la gestione degli aspetti operativi della procedura, la quale rimane, comunque, flessibile ed adattabile ad ogni singola controversia. Sono diverse le norme con le quali si è tentato di incentivare il ricorso, da parte dei consumatori e delle imprese, a procedure amministrate di arbitrato e conciliazione.

Insomma, «invece di litigare è meglio conciliare».



In questo articolo: