L’aquilotto al posto del pinguino. Nuovo stemma per il 61° Stormo salutato dalle Frecce Tricolori

Si è tenuta presso l’aeroporto militare ‘Fortunato Cesari’ di Galatina, la cerimonia di presentazione del nuovo stemma della Scuola di Volo salentina. La nuova mission internazionale del reparto meritava un nuovo simbolo. Grande presenza di pubblico.

Il traffico impazzito, con code di veicoli che dall’Aeroporto Cesari arrivavano fino alla svolta per San Donato di Lecce sulla strada che collega il capoluogo alla città di Galatina e le migliaia di sguardi all’insù per godere dello spettacolo offerto ieri mattina dalle Frecce Tricolore, hanno fatto capire, ancora una volta, quanto il Salento ami la meravigliosa Pattuglia Acrobatica Nazionale e non perda mai l’occasione di salutarla quando si esibisce nel Tacco d’Italia.

Ieri, a dire il vero, il protagonista della giornata è stato una stemma. Già, perché il Reparto addestrativo salentino ha salutato il pinguino per abbracciare l’aquilotto. Non tanto una scelta estetica, quanto il riconoscimento di un ruolo di prestigio visti i mutati compiti del reparto galatinese, appunto, che diventata a tutti gli effetti una Scuola Internazionale per piloti destinati ai velivoli jet.

Il pinguino, raffigurato nel precedente stemma, era il simbolo del novizio, del giovane pilota che ancora non riesce ad alzare in volo un veloce aereo; oggi con la nuova mission della Scuola più pertinente risulta essere l’aquila ad ali raccolte, a protezione dei giovani aquilotti,  che ben si attaglia al motto che identifica la missione dello Stormo “per l’ampio spazio a saettar insegno”.

L’evento di ieri mattina, riservato al personale militare e civile che a vario titolo, in questi lunghi anni ha prestato servizio presso l’aeroporto militare salentino, si è concluso con una manifestazione aerea che ha visto esibirsi non solo i velivoli in dotazione al Reparto, gli “addestratori” che hanno fatto la storia dello Stormo (il T6 “Texan”, il Fiat G59 e l’MB326) ma anche e soprattutto le tanto attese “Frecce Tricolori”.

“Lo scoprimento del nuovo emblema – ha detto il Colonnello Paolo Tarantino, Comandante del 61° Stormo – è un evento memorabile e fortemente simbolico che coincide con un periodo di grande trasformazione e di forte crescita  per il reparto.”

La cerimonia è stata presieduta dal Generale Pasquale Preziosa,  Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare. Presenti anche il Generale Franco Girardi, Comandante delle Scuole dell’A.M. e numerose autorità civili e militari.



In questo articolo: