Il presepe non è solo una tradizione. Buone Feste da Leccenews24

Il segno distintivo delle festività è il presepe. Una tradizione che affonda le radici fin dal Medioevo e che oggi vi proponiamo nei versi di un grande interprete della Cultura popolare salentina: Franco Lupo.

Fu San Francesco d’Assisi, per la prima volta, a mettere in scena la rappresentazione della nascita di Gesù. Era il 1223 e da allora nessuno ha più pensato al Natale senza il presepe.

In Italia e nel nostro Salento in particolare, tanti ce ne sono di presepi, viventi o artistici che siano, ma pur sempre ricchi di fascino e che fanno da cornice ai tanti appuntamenti che sul territorio si moltiplicano in occasione delle Feste.

Per fare gli auguri più sinceri di buon Natale abbiamo pensato di proporre una famosa poesia in dialetto leccese che mons.  Franco Lupo ha scritto più di quarant’anni fa sul tema del presepe.

LU PRESEPIU
Recotte, casu e quarche pecurieddu…
nu picca de sciuncata e llatte friscu…
sta bbisciu lu carusu e l’ecchiareddu,
lu Ntoni, lu Carmelu e lu Frangiscu…

Nna ecchia se sta scarfa ‘lla pignata…
maritusa sta cconza nnu scarpune,
annanzi la funtana nce la Ndata,
sta pporta a llu Mmamminu nnu capune.

Le pecore…le addine…nu pavone…
nde inchenu nna stozza de campagna,
lu zzampugnaru porta nnu bastone
e ssona…quando scinde la muntagna…

“Dermi, dermi, Mmaminieddu,
statte cittu e tte ddurmisci…
a bbenutu nn’angelieddu
e tt’a nduttu, ttie, lu scisci…

poi la mamma te lu minte…
quando a ccasa ni nde sciamu…
Tie sta ddermi… a mmanu strinte…
Cu la Mamma te la llassamu!…”.

Santu Sciuliesciu nnanzi Gesù Cristu
Ni chiute l’annu… cu lu bbuenu e … tristu…..