Lecce 2019. Oggi il sogno può diventare realtÃ

Sono in città i commissari che dovranno giudicare la nomination di Lecce a Capitale della Cultura nel 2019. La visita nel capoluogo barocco è partita alle 12.30 da porta San Biagio e proseguirà fino alle 19.00.

Per descrivere l’aria che si respirava a Porta San Biagio all’arrivo del pulmino con a bordo i Commissari Europei giunti nel capoluogo barocco per valutare se Lecce abbia o meno i requisiti per diventare Capitale Europea della Cultura nel 2019 basterebbe riuscire a descrivere l’espressione dei turisti che, ombrello in  mano, per caso si sono ritrovati a transitare in quel momento nello spiazzo antistante l’ingresso al cuore della città, per l’occasione vestito a ‘festa’. Il loro sguardo a metà tra l’incredulità e lo stupore, tra l’entusiasmo e la sorpresa, descrive a pieno l’atmosfera magica. Nemmeno il cielo plumbeo, minaccioso, è riuscito ad offuscare la gioia di chi è sceso per strada colmo di speranze, aspettative, desideri, di chi ha voluto esserci per fare il tifo,  sostenere Lecce in questa corsa verso il futuro.

Perché nella ‘partita’ che si sta giocando in queste ore in  palio c’è un titolo che non solo darà lustro, visibilità a tutto il territorio ma soprattutto opportunità, progetti che toccherà realizzare esattamente così come sono stati immaginati nel segretissimo Bid Book finito sul tavolo dei commissari.

Non può essere il maltempo che in queste ore ha colpito gran parte del Salento a frenare l’accoglienza, l’ospitalità alla commissione chiamata ad esprimere un giudizio che ahimè sarà insindacabile. Scattato il piano B, cambiate le location, Lecce non si ferma. Il pulmino con a bordo la giuria, il direttore artistico di Lecce2019, Airan Berg e altri rappresentanti istituzionali arriva quando da poco sono passate le 12.30 tra la folla, i giornalisti e i fotografi. Scesi i pochi gradini è scoppiata la festa. Una banda ha  accolto i componenti poi via verso la strada dei pub che ha messo in mostra il suo volto più caratteristico, quello che molto spesso si vede di sera.

Poi dritti fino a Casa EUtopia-01, presso la Galleria Francesco Foresta, dove al piano terra si sta con il naso all’insù per la mostra di bubble raccolte in un anno di Curiosity Zone. Da qui si può scegliere di andare al piano inferiore per visitare le videoproiezioni sulla Città del Futuro o di salire al piano nobile per uno showcase di progetti realizzati dai giovani architetti e di oggetti eco-design, a firma invece dell’associazione LeMiriadi49, vincitrice del bando coworking di Lecce2019.

Mentre fuori, davanti la Negra Tomasa, è stato allestito un pranzo sociale con cibi provenienti da tutto il mondo, all’insegna dell’interculturalità enogastronomica e non solo poiché Lecce è città del mondo, è porta del mediterraneo.

Ma non finisce qui, la passeggiata continuerà anche nelle prossime ore, fino alle 19. Sarà in quel momento che Lecce si sarà giocato il tutto e per tutto. In fondo,  quando il Sindaco Paolo Perrone lanciò l’idea in pochi ci credevano. Oggi è più che una realtà.