Mons. Liquori, vicario generale dell’arcidiocesi di Lecce

Dopo la delega ad omnia il parroco di San Lazzaro è¨ stato nominato a tutti gli effetti Vicario Generale dell’arcivescovo D’Ambrosio. Rinnovato anche il Capitolo Cattedrale.

Dopo sei mesi di rodaggio, per così dire, nel ruolo di delegato arcivescovile ad omnia Mons. Pierino Liquori è ufficialmente il nuovo vicario generale della diocesi di Lecce, vale a dire primo collaboratore e sostituto  dell’Arcivescovo Metropolita Domenico D’Ambrosio.

Un incarico annunciato e meritato per il parroco di San Lazzaro, considerato il più eminente fra i collaboratori di curia del vescovo e pertanto il più degno alla successione di Mons. Fernando Filograna, divenuto vescovo di Nardò – Gallipoli a luglio scorso.

Mons. Liquori ricopre di fatto, già da qualche tempo, il ruolo chiave della Curia diocesana e rappresenta la più importante ma non l’unica novità prevista dall’arcivescovo.

L’ordinario diocesano ha infatti nominato i nuovi componenti del Capitolo Cattedrale. Si tratta di quattro Canonici durante munere: mons. Pierino Liquori, Vicario Generale; mons. Giancarlo Polito, Maestro delle cerimonie arcivescovili; don Stefano Spedicato, Rettore del Seminario Arcivescovile e don Antonio Bruno, Parroco di “Maria SS. Assunta” nella Chiesa Cattedrale.

Sei Canonici effettivi: mons. Luigi Manca, Direttore Issr e Presidente del Capitolo; mons. Flavio De Pascali, Canonico Penitenziere; mons. Attilio Mesagne, Direttore Caritas; don Biagio Miranda, Rettore Chiesa di Santa Teresa e del Carmine; mons. Mario Donadei, Ufficio per l’Insegnamento Religione Cattolica; don Vincenzo Caretto, Rettore Chiesa Cristo Re.
Sei Canonici onorari: mons. Franco Lupo; mons. Oronzo De Simone; mons. Mario De Nunzio; don Antonio Pellegrino; mons. Angelo Renna; mons. Mauro Carlino.



In questo articolo: