Le uova si schiudono e 79 caretta caretta prendono la via del mare. Il “lieto evento” a Porto Cesareo

Il tutto nel pomeriggio di ieri nei pressi di un noto stabilimento balneare cesarino davanti ai bagnati che hanno filmato la scena con i telefonini.

Dopo le 13 tartarughine nate lo scorso 2 settembre a Torre San Giovanni e le 50 la scorsa notte sul litorale di Ugento, nel pomeriggio di ieri, anche a Porto Cesareo, su un tratto di spiaggia affollata di bagnanti dopo 62 giorni di incubazione, il “lieto evento”. A renderlo noto l’Associazione “Lo Sportello dei diritti”.

Su una spiaggia della località rivierasca salentina, infatti, in pochi minuti le uova si sono schiuse e 79 caretta caretta sono affiorate dalla sabbia raggiungendo il mare attraversando una pedana naturale, appositamente realizzata, tra due ali di bagnanti entusiasti.

L’attesa si è protratta per diverso tempo, sin dal giorno in cui i volontari dell’Area marina protetta di Porto Cesar

eo avevano, grazie alla segnalazione di alcuni bagnanti, avuto contezza della nidiata di uova di tartaruga ” sull’arenile libero adiacente a un noto lido e lungo uno degli arenili più frequentati del litorale costiero cesarino.

La cronaca della giornata, vissuta in diretta sui social, è stata immortalata dai telefonini. “Per gli esperti – evidenzia Giovanni D’Agata – presidente del sodalizio leccese, si tratta di un evento eccezionale perché la schiusa avviene generalmente di notte.



In questo articolo: