Studenti e trasporti: Blocco Studentesco lancia la raccolta firme

Ancora tanti sono i disagi per gli studenti di Lecce e provincia per raggiungere i loro plessi scolastici. I trasporti ancora funzionano male e, nonostante il tavolo operativo dello scorso novembre, nulla pare essere cambiato. Blocco Studentesco avvia una raccolta firme.

È ancora caos sulla vicenda trasporti riservati agli studenti di Lecce e provincia. Una querelle che va avanti fin dall’inizio dell’anno scolastico condita dalle lamentele legate alla presenza di mezzi mal funzionanti, sedili malconci, tettoie logorate dalle quali entra acqua piovana, corse non sempre garantite con continui ritardi e sospensioni del servizio. Una svolta sembrava esserci stata lo scorso 30 novembre, quando a Palazzo dei Celestini il Presidente della Provincia Antonio Gabellone aveva convocato un tavolo tecnico con Ferrovie del Sud Est e con una stessa rappresentanza studentesca. Peccato però che proprio la società che eroga il servizio ha dato forfait all’incontro, lasciando quindi la situazione gravemente precaria.

In queste settimane, però, nulla pare essere cambiato e a farne le spese restano, come sempre, i giovani studenti. Per questo l’associazione ‘Blocco Studentesco’ è tornata sull’argomento. ‘Frequenti sono i disservizi legati alle società di trasporti Stp ed Fse – scrivono i rappresentati degli studenti i una nota – e dopo aver ascoltato diverse decine di lamentele abbiamo deciso di avviare una raccolta firme tra diverse scuole di Lecce e provincia’.

‘Nell'arco di un mese e mezzo – prosegue il comunicato – abbiamo raccolto quasi duemila firme tra gli studenti di numerose scuole quali il liceo classico "Virgilio-Redi", il liceo scientifico "De Giorgi", il liceo statale "Siciliani", il liceo classico "Palmieri", e gli istituti "Columella", "Deledda", "Vanoni", "Olivetti" e "Calasso". Gli studenti sono stanchi di erogare somme non poco rilevanti per un servizio troppo spesso oggetto di deroghe a quella che dovrebbe essere l'ordinaria amministrazione. Quali portavoce dei bisogni della popolazione studentesca  abbiamo deciso di attivarci per cercare una soluzione a quest'annoso disagio’.

‘Blocco Studentesco’ chiedo poi un incontro con le due società di trasporti: ‘Cercheremo presto un colloquio con i dirigenti per esporre loro quelle che sono le problematiche lamentate dagli utenti del servizio che sono tenuti a garantire. L'intento è quello di trovare una soluzione funzionale alle necessità dei pendolari, cercando di porre fine ai disagi che sono costretti a sopportare. Continueremo a monitorare la situazione – conclude la nota – e lo faremo fino a quando questa incresciosa vicenda non giungerà al termine. Siamo e saremo sempre dalla parte degli studenti’.