Buche in via Giammatteo, la denuncia: “abbiamo chiamato i Vigili, ma nulla è stato fatto”

Prosegue il viaggio di Leccenews24 nel degrado urbano: oggi segnaliamo le buche in via Giammatteo che rendono pericoloso il tratto a chi lo percorre. I cittadini “niente è stato fatto”

Le colpe non sono tutte di Open Fiber. Che a Lecce le strade siano un autentico colabrodo al punto che l’emergenza buche è considerata dai cittadini una delle problematiche più importanti e urgenti è notizia risaputa.  Anche in campagna elettorale, infatti, uno degli argomenti del contendere è stato proprio il dissesto stradale e le soluzioni per metterlo in sicurezza, ma ad urne chiuse le segnalazioni dei cittadini continuano, anzi aumentano.

I cantieri per portare le fibra ultraveloce in città, secondo i cittadini, ci hanno messo il carico da novanta, ma la società ritiene sia stato fatto tutto a regola d’arte, respingendo al mittente le accuse di “lavori fatti male”. Sta di fatto che, fibra o non fibra, sono bastati due giorni di pioggia per rilanciare il tema dello ‘sgretolamento’ del manto stradale: le buche si riaprono e le lamentele giunte alla nostra redazione tornano a fioccare. Tra queste, tre riguardano via Giammatteo, strada molto nota ai leccesi che dalla circonvallazione porta verso le marine, passando per il campo Coni.

Le immagini parlano da sole, più che dinanzi a delle buche ci troviamo al cospetto di un campo minato, pericoloso per chi lo percorre su due o quattro ruote. E con tutti i danni che ne possono derivare a persone e cose (interessante sarebbe sapere quanti hanno citato il Comune di Lecce per i danni riportati ai veicoli).

«Sono 10 giorni che ho contattato il Comando della Polizia Municipale di Lecce – ci scrive una residente – per avvertire della pericolosità della strada. Ad oggi, nessun intervento è stato fatto per sistemare o almeno “tamponare” la situazione, in attesa di una soluzione definitiva».

La speranza dei cittadini è che, chi di competenza, non aspetti tempo. Bisogna agire prima che accada qualcosa di grave, tipo un incididente.

Vi invitiamo sempre a segnalarci ciò che proprio non va, in città e in provincia. Il nostro viaggio nei disagi e nel degrado urbano non va certo in vacanza. Dopo le “Tagghiate”, piazzale Bologna e via Comencini, oggi è toccato a via Giammatteo. Domani chissà.



In questo articolo: