Caso Marè². Natale in India per i due fucilieri di marina

I due marè² italiani non sanno ancora, ad oggi, se potranno passare le festività natalizie in compagnia dei loro cari. La magistratura indiana non ha rilasciato nessuna licenza speciale.

Al momento non sono previste «licenze» speciali da parte della magistratura indiana come quella che, il 22 dicembre dello scorso anno, consentì a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, di tornare a casa, in Italia

Sono trascorsi quasi due anni da quel 15 febbraio 2012 quando, nell’incidente tra la Enrica Lexie, petroliera battente bandiera italiana ed il peschereccio St. Anthony, avvenuto a largo delle coste del Kerala, morirono due pescatori indiani  scambiati per pirati.

E se il 22 dicembre scorso a Massimiliano Latorre e Salvatore Girone fu consentito di tornare in Italia per trascorrere in famiglia le festività natalizie, quest’anno le cose andranno diversamente. Nessuna licenza speciale da parte della magistratura indiana è, infatti, prevista per i due fucilieri del reggimento San Marco. Molto probabilmente, a meno di sorprese dell'ultima ora, saranno i parenti dei due militari a recarsi a New Delhi in vista del 25.

La notizia è stata annunciata da Staffan de Mistura: «le famiglie sia di Massimiliano Latorre che di Salvatore Girone – ha detto l’inviato speciale del governo – andranno in India. Saranno molti  i parenti che li raggiungeranno, affinché sia un vero Natale in famiglia. La partenza è prevista la prossima settimana».

E in merito alla vicenda giudiziaria, che vede la prossima udienza fissata all’8 gennaio, aggiunge: «sono sempre in contatto con i due Marò e sono sempre più impressionato ed ammirato dalla loro maturità e dalla loro determinazione ad affrontare questa prova insieme all’Italia».



In questo articolo: