Parte domani la demolizione di quattro immobili abusivi realizzati nelle marine

Prevista per domani la demolizione d’ufficio di quattro immobili realizzati abusivamente nel territorio delle marine leccesi e già acquisiti al patrimonio dell’Ente.

palazzo-carafa-lecce

Partirà domattina la demolizione d’ufficio di quattro immobili realizzati abusivamente nel territorio delle marine leccesi e già acquisiti al patrimonio dell’Ente. In particolare la demolizione riguarda un fabbricato di 54,5 metri quadri a Torre Rinalda, realizzato su piattaforma di 245,00 metri quadri; due a Torre Chianca, uno di 54,50 metri quadri e uno di 75, realizzato su piattaforma in cemento di 122,00 metri quadri più un garage annesso di mq 52,00; uno a Frigole di mq. 181,00.

I lavori

I lavori di demolizione sono stati affidati a ditta specializzata, con procedura negoziata ai sensi dell’art. 36 comma 2 lettera b), del Decreto Legislativo 18 aprile 2016 n°50 e saranno eseguiti con il coordinamento dell’Ufficio Nucleo di Vigilanza Edilizia del Comune di Lecce. Per far fronte alla spesa necessaria si è fatto ricorso al Fondo regionale di rotazione per le spese di demolizione delle opere abusive, ex L.R. 11 giugno 2012 n°15, per la cui somma si provvederà al recupero nei confronti dell’esecutore dell’abuso, anche con riscossione a ruolo (D. Lgs n° 46/99).

L’Ufficio di vigilanza Edilizia

L’Ufficio di vigilanza Edilizia è stato istituito nel mese di marzo del 2003 presso il Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio del Comune di Lecce, in esecuzione e applicazione della normativa di riferimento (Titolo IV del D.P.R. N° 380/01). L’Ufficio svolge un’attività capillare di controllo su ogni intervento di trasformazione del territorio comunale della Città di Lecce e ad oggi ha effettuato circa 200 sequestri preventivi di cantieri edili, 63 demolizioni d’uffici 72 demolizioni spontanee, segno tangibile e concreto dell’opera di dissuasione dalle iniziative edilizie abusive che il Nucelo di vigilanza ha esercitato ed esercita sul territorio.



In questo articolo: