Furti on line e in abitazioni, scoperto e denunciato ladro seriale

Nella mattinata di oggi 2 aprile, i carabinieri della Stazione di Corsano, al termine di complesse ed articolate indagini, hanno denunciato in stato di libertà, S.A., 22enne corsanese, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato, furto in abitazione, ricettazione.

Aveva compiuto una serie di furti on line e non e per questa ragione è stato scoperto e denunciato. Nella mattinata di oggi 2 aprile, i carabinieri della Stazione di Corsano, al termine di complesse ed articolate indagini, hanno denunciato in stato di libertà, S.A., 22enne corsanese, poiché ritenuto responsabile di furto aggravato, furto in abitazione, ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito. Le indagini condotte dai militari sono iniziate all’incirca il mese scorso quando sono stati registrati una serie di furti che stavano destando particolare allarme nei comuni di Corsano e Tiggiano sotto la giurisdizione del reparto dell’Arma.

L’intera Stazione, quindi, si è dedicata alle investigazioni al fine di assicurare alla giustizia l’autore delle malefatte. Tutto è cominciato grazie all’attività di analisi delle denunce e degli obiettivi colpiti: furti commessi in abitazione, su autovetture, sopratutto in orario notturno; il modus operandi appariva sempre lo stesso. L’autore infatti sembrava conoscere le abitudini delle vittime e ciò induceva i militari a convergere i sospetti su alcuni soggetti di interesse operativo del luogo.

La svolta e la conferma dei sospetti è avvenuta quando uno dei soggetti che aveva subito un furto della propria auto, si è visto addebitare ben 500 euro sul conto della propria carta di credito, per l’acquisto mai effettuato di un arco da tiro di precisione proveniente dalla Repubblica di San Marino. Gli accertamenti telematici effettuati e la successiva analisi fatta dai militari hanno permesso di ripercorrere a ritroso le varie fasi dell’acquisto. Le indagini hanno permesso di accertare che S.A., dopo aver rubato i soli codici di una carta di credito dall’interno di una auto, aveva proceduto all’acquisto dell’attrezzatura sportiva da un negozio on line di San Marino, la cui consegna era stata effettuata proprio nelle sue mani così come confermato dall’acquisizione delle copie delle bolle di spedizione in cui la firma era proprio quella dell’indagato,  firma che metteva fine all’attività delinquenziale del giovane corsanese.

Una volta raccolti tutti questi elementi i carabinieri di Corsano hanno proceduto ad effettuare la perquisizione domiciliare. Oltre all’arco da tiro di precisione, quindi, sono state recuperate attrezzature elettroniche, agricole ed effetti personali frutto proprio dei furti commessi nell’ultimo periodo in abitazioni e su autovetture. Durante le attività di ricerca della refurtiva i militari dell’Arma hanno appurato che un computer portatile era addirittura già stato “piazzato” da S.A. ad un giovane di Minervino di Lecce e quindi a quest’ultimo sequestrato. Tutta la refurtiva, una volta debitamente riconosciuta, è stata riconsegnata ai legittimi proprietari.