Il miracolo dell’Epifania, salvata tartaruga in fin di vita

Intorno alle 17 di ieri pomeriggio alcuni cittadini di Surbo hanno chiamato i vigili urbani di Lecce dopo aver notato, in località Torre Rinalda, una tartaruga ‘Caretta Caretta’ in gravissime difficoltà, ferita e spiaggiata

Si trovava in condizioni drammatiche, era spiaggiato e ferito e non sarebbe durato moltissimo senza il miracolo dell’Epifania. È stato recuperato, ieri sera intorno alle 17 nei pressi di Torre Rinalda, un esemplare di tartaruga “Caretta Caretta”. Il ritrovamento dell’esemplare è stato possibile grazie alla sensibilità di alcuni cittadini di Surbo i quali, notando l’animale in difficoltà, hanno allertato i vigili urbani di Lecce i quali hanno messo in moto la macchina dei soccorsi comunali.

L’intervento è stato effettuato dalle Guardie Ecozoofile A.n.p.a.n.a. che, dopo aver prestato i primi soccorsi, hanno trasportato la tartaruga presso il Museo di Storia Naturale del Salento e Osservatorio Faunistico Provinciale dove gli esperti del Centro Recupero Tartarughe Marine (Crtm) l’hanno presa in consegna. L’esemplare, che presentava una brutta ferita tra carapace destro e collo, verrà rimesso in libertà dopo la marcatura di routine, utile al monitoraggio della specie, e, soprattutto, dopo che la ferita riscontrata sarà perfettamente guarita.

“Capita spesso che esemplari di Caretta Caretta, la tartaruga marina più comune del Mar Mediterraneo, intrappolati nelle reti dei pescatori salentini del versante adriatico, vengano rinvenuti spiaggiati sui lidi salentini – ha commentato Andrea Guido, Assessore alle Politiche Ambientali – Caretta Caretta, infatti, è fortemente minacciata in tutto il bacino del Mediterraneo e ormai al limite dell'estinzione nelle acque territoriali italiane”
 



In questo articolo: