Investe due pedoni sulla Maglie-Leuca e non si ferma: anziano automobilista rintracciato in tarda serata

Nel pomeriggio di ieri due pedoni sono stati investiti, nei pressi della ss 275, all’altezza di un centro commerciale della zona. Sul posto, i Carabinieri del Norm di Maglie per le indagini del caso, i quali più avanti hanno rintracciato l’automobilista all’altezza di Specchia.

Uno ne avrà per circa 20 giorni, l’altro invece è finito all’ospedale “Vito Fazzi” in prognosi riservata. Queste, purtroppo, le conseguenze relative ad un episodio di cronaca avvenuto nella giornata di ieri sulla strada statale 275, all’altezza di uno noto centro commerciale situato in zona. Le iniziali ricostruzioni della vicenda riferiscono di un'automobile – alla cui guida c'era un signore anziano – che ha investito due pedoni. Dopodiché costui – stando a quanto stabilito dalle forze dell’ordine – si sarebbe allontanato senza prestar loro soccorso. Sul posto, così, sono intervenuti i Carabinieri appartenenti al Nucleo Operativo Radiomobile di Maglie per iniziare le ricerche dell’uomo.

Più avanti, i militari lo hanno rintracciato all’altezza di Specchia e denunciato all’autorità giudiziaria. Lui, adesso, dovrà difendersi dalle accuse, spiegando altresì la propria versione dei fatti alle competenti autorità. Per quanto concerne le persone investite, una ieri è stata trasportata al nosocomio “Veris delli Ponti” di Scorrano; mentre invece l’altro pedone, viste le condizioni fisiche più gravi, come anticipato in apertura d’articolo ha dovuto raggiungere il capoluogo salentino, probabilmente per ricevere cure mediche più specifiche.

Episodio che ne porta alla mente un altro – sebbene con modalità e caratteristiche differenti da quello appena descritto  – avvenuto verso fine giugno intorno alle prime ore del pomeriggio.

Una bimba di sette anni venne infatti da una vettura mentre stava camminando in via Aldo Moro, a Lecce. Un impatto violento che, in quelle ore, fece temere il peggio. La piccola fu poi  trasporta in “codice rosso” al sempre al “Fazzi” e dunque trova ricoverata nel reparto di Pediatria.



In questo articolo: