La gente a mare, i ladri in casa. I ‘topi d’appartamento’ colpiscono ancora

In quest’ultimo weekend i ladri si sono dati letteralmente alla ‘pazza gioia’; approfittando delle assenze in città hanno tentato vari furti e in alcuni casi, purtroppo, riuscendo benissimo nel loro intento

Doveva essere un’estate rovente dal punto di vista atmosferico e, anche se con ritardo, gli effetti si stanno cominciando a vedere. Ma se da un lato c’è gente che abbandona la città per rinfrescare spirito e corpo, dall’altro, lasciando casa libera, permette a qualche furfante di “operare” quasi indisturbato. “Quasi”, perché per fortuna non tutte le ciambelle riescono col buco; o meglio, non tutti i furti programmati raggiungono la perfezione.

L’ultimo weekend, nel capoluogo salentino, ha avuto a che fare con “topi d’appartamento” agguerriti, pronti a sgraffignare contante facile o in alternativa gioielli. Nel pomeriggio di ieri ad esempio, nei pressi del mercato di Settelaquare, i malviventi hanno “visitato” il Bar “Tito”, situato in via Cesare Abba. Una visita tutt’altro che gradita, considerando il bottino di circa 1.800 euro in “gratta&vinci” e 70 euro asportati via illecitamente.

Avranno agito più o meno verso le 14.00, quando la zona è deserta. Accortisi di alcune effrazioni sulla porta d’ingresso, i residenti si sono mobilitati subito, chiedendo l’intervento di una volante; i cui agenti, aiutati dai colleghi della sezione scientifica, hanno effettuato i primi rilievi. Sembra però che l’identità dell’individuo possa emergere grazie alle registrazioni delle telecamere di videosorveglianza.

Durante la notte appena trascorsa, invece, le guardie giurate sono intervenute per sventare un furto a Monteroni di Lecce, presso l’abitazione di una donna del posto. I ladri hanno cercato di scardinare la saracinesca del garage nel tentativo di perpetrare furtivamente nella casa. Nulla di fatto, però. A condurre le indagini per risalire agli autori del tentato furto stanno lavorando i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile.

Danni anche nei confronti di un assicuratore e di un avvocato, entrambi leccesi. Nel primo caso si è trattato di vero e proprio maxifurto: tra contanti e oggetti preziosi, i furfanti – dopo essere entranti nella sua dimora – se ne sono andati via con una refurtiva dal valore di quasi 50mila euro.  

Nel secondo episodio –  avvenuto lo scorso sabato – i tentativi di rimediare qualcosa di congruo sono andati a farsi friggere. Qui, intorno alle 17.30, i ladruncoli hanno dovuto abbandonare ogni proposito per via del repentino arrivo degli agenti de “La Velialpol”. Danneggiato il nottolino della porta d’ingresso, ma fortunatamente null’altro da segnalare.