Marò. Latorre vuole restare in Italia, Girone vuole tornare per Natale

Nuova istanza dei due fucilieri di marina alla Corte Suprema indiana. Salvatore Girone ha chiesto di poter rientrare in Italia per un periodo di tre mesi in vista del Natale. Massimiliano Latorre, invece, un prolungamento del percorso terapeutico di 4 mesi.

Se le cose dovessero rimanere così, sarebbe un Natale a metà per i due fucilieri del battaglione San Marco, coinvolti – come ormai noto – in un caso che fin dal 15 febbraio 2012, giorno dell’incidente a largo delle coste indiane del Kerala in cui morirono due pescatori del posto, è sembrato più che altro un labirinto senza uscita. Massimiliano Latorre, al momento in Italia grazie ad un permesso speciale dalla Corte Suprema concesso esclusivamente per motivi di salute, vivrebbe con l’angoscia del 13 gennaio, quando suo malgrado dovrà risalire un aereo che lo riporterà in India. Dovrà farlo non solo per le garanzie che i Giudici hanno chiesto e ottenuto, ma anche perché a New Delhi è rimasto il commmilitone e amico. Salvatore Girone, dal canto suo, sarebbe costretto a trascorrere anche quest’anno le feste lontano da casa e dalla sua famiglia.

Per questo, i due marò italiani hanno presentato un’istanza alla Corte Suprema per chiedere un alleggerimento delle loro condizioni cautelari. Latorre, a cui il 12 settembre era stato concesso di tornare a casa dopo un ictus cerebrale, ha depositato una richiesta per estendere il suo soggiorno di altri quattro mesi, il tempo necessario per poter continuare il suo percorso terapeutico in un ambiente familiare e sottoporsi ad un altro intervento. Girone, invece, ha chiesto di poter rientrare per le festività natalizie visto che, non riabbraccia i suoi figli, dal marzo dello scorso anno.

La Corte Suprema indiana chiamata a discutere sulla libertà provvisoria dei due marò si riunirà in udienza domani. Non sarebbe la prima volta comunque, per ben due volte i due fucilieri di marina hanno ottenuto dei permessi, uno a Natale 2012 l’altro per le elezioni legislative del 2013.