Maxi colpo nella notte a Otranto: ladri via con bottino da 25mila euro

Ladri in casa del vicepresidente del Consiglio Comunale di Otranto, Antonio Schito. Razzia di gioielli e preziosi per un valore aggirante intorno ai 25mila euro. Caccia ai malviventi

Un bottino succulento, piuttosto ricco; ma soprattutto illegale. Corrisponde alla cifra di 25mila euro il valore della refurtiva fatta propria ieri sera dai ladri. Siamo a Otranto. Stavolta, i topi d'appartamento hanno puntato l'abitazione di un ex assessore della città idruntina, nonché attuale vicepresidente del Consiglio Comunale, Antonio Schito.

Aspettando l'uscita fuori assieme alla moglie, i malviventi sono poi perpetrati furtivamente nella sua casa per fare razzia di gioielli. Stando alle indagini dei Carabinieri locali, inoltre, sarebbe sparito anche un orologio Rolex in oro, sempre appartenente all'esponente politico. 

Preziosi che, tra l'altro, possiedono pure un certo valore affettivo. La pista più plausibile, al momento, sarebbe quella della presa visione – da parte dei banditi – dei movimenti effettuati dai due coniugi. Sono entrati forzando una finestra sul retro; non si tratta di gente improvvisata, bensì veri e propri "professionisti" del crimine. D'altro canto riuscire a compiere un colpo del genere senza farsi notare è cosa da pochi. O da molti, considerando l'aumento spropositato degli episodi di natura simile.

I proprietari, non appena rincasati, hanno subito chiamato il 112, intervenuto con una propria pattuglia. Ancora nessuna traccia degli autori di tale riprovevole gesto. I militari stanno comunque setacciando quasiasi indizio possibile, da testimonianze ad eventuali registrazioni di impianti di videosorveglianza.