“Irregolarità di tipo amministrativo”. Scatta il sequestro del circo Orfei di Surbo

E pochi giorni fa, nella stessa struttura è avvenuta l’aggressione di una tigre al domatore, ma l’incidente non sarebbe direttamente collegato al provvedimento.

Scattano i sigilli per il circo Amedeo Orfei, per irregolarità di tipo amministrativo.

Si tratta di un sequestro d’urgenza provvisorio eseguito ieri pomeriggio, intorno alle 17, attraverso apposito decreto dalla Polizia Locale di Surbo.

Nel provvedimento viene contestata l’assenza dell’autorizzazione del Suap (Sportello Unico per le Attività Produttive) per i pubblici spettacoli.

Contestualmente, come atto dovuto, è stato iscritto nel registro degli indagati Lino Orfei, in qualità di legale rappresentante, difeso dall’avvocato Riccardo Giannuzzi.

Il circo Amedeo Orfei è attualmente collocato nel parcheggio del centro commerciale, a Surbo. E pochi giorni fa, nella stessa struttura è avvenuta l’aggressione di una tigre al domatore, ma l’incidente non è collegato al provvedimento.

Il sequestro, ad ogni modo, dovrà essere convalidato entro 48 ore dal pm di turno Alberto Santacatterina.

Intanto, il settore servizi tecnici del Comune di Surbo ha emesso un’ordinanza per il divieto dell’attività del circo Amedeo Orfei, ordinando l’immediata sospensione di tutte le attività collegate con la struttura circense e la rimozione delle attrezzature e di tutti i mezzi posti sul suolo comunale. In base a quanto si legge nella suddetta ordinanza, la struttura circense sarebbe stata installata senza alcuna autorizzazione e non sono state trasmesse le necessarie comunicazioni agli enti preposti, come previsto dalla normativa.