Tentano furto ma scappano forse avvisati da un complice

Malviventi tentano il colpo in uno stabilimento di scarpe, ma un passante insospettito da certi movimenti allerta le forze dell’ordine lasciando cosi i ladri a mani vuote.

Un colpo studiato nei minimi particolari che avrebbe fruttato non poco agli intrepidi ladri che, questa notte, hanno tentato un furto in grande stile ai danni uno stabilimento che produce scarpe per il marchio Geox. Non erano ancora le due del mattino quando una banda è riuscita ad entrare nello stabilimento situato della zona industriale di Supersano, passando per una costruzione rustica confinante. 

Nel cantiere poi, grazie ad un muletto preso "in prestito" hanno praticato un foro nel muro e una volta penetrati nel calzaturificio hanno iniziato a caricare le scarpe su un camion posto esattamente in prossimità del foro appena aperto. Movimenti che non potevano certo passare inosservati. Difatti, un passante a bordo della sua auto è riuscito a scorgere qualcosa e insospettito ha subito allertato le forze dell’ordine.  Sono accorsi sul posto la polizia del commissariato di Taurisano e la DeIaco security, l’istituto di vigilanza privata che si occupa di sorvegliare la zona.  

Ma dei ladri, però, nessuna traccia, se non quelle che permettono di ricostruire con estrema esattezza la dinamica del furto mancato. Secondo la polizia, infatti, vista la precisione con cui il colpo era stato preparato, qualcuno era stato sicuramente designato per fare da palo e una volta avvistate le pattuglie della polizia, avrebbe provveduto ad avvertire i complici. Le indagini in corso sono complicate dal fatto che la struttura non è dotata di un sistema di videosorveglianza. Certo è che non si tratta di ladri improvvisati visto che sul posto sono state rinvenute due bombolette spray di colore bianco e ed un magnete circolare, presumibilmente utilizzato per disattivare il sistema d'allarme. 

La merce recuperata, secondo una prima stima, avrebbe un valore che si aggira intorno ai 75mila euro.



In questo articolo: