Mura Urbiche, quando visitare il gioiello che “protegge” Lecce

Sarà possibile ammirare le Mura Urbiche, volute da Carlo V per arginare le scorribande turche, tutti i giorni fino al 19 settembre. Ecco come visitare il complesso all’ingresso Nord di Lecce

L’ingresso nord di Lecce ha cambiato volto da quando le antiche Mura Urbiche, volute da Carlo V per frenare le scorribande turche, sono tornate al loro ‘vecchio’ splendore. Dopo il restauro, la struttura che ha difeso per secoli la città, che è stata violata da diversi conquistatori ora accoglie con la sua imponenza i salentini e i turisti che giungono in città.

Durante i lavori non sono mancate le sorprese e i bellissimi imprevisti: da un pentagramma inciso da qualche guardia armata, alla strada romana, utilizzata probabilmente fino al ‘500. Senza dimenticare il fossato realizzato su ordine dell’imperatore, a metà del Cinquecento e dove sono stati trovati resti di città risalenti a diverse epoche storiche. Alla fine, la cinta realizzata con la tecnica costruttiva “a sacco” e tutti i suoi “gioielli” sono stati recuperati e restituiti alla comunità.

Il complesso monumentale all’ingresso nord della città non sempre apre le sue porte al pubblico. Lo farà dal 24 giugno. Da quel giorno fino al al 19 settembre sarà possibile ammirare da vicino uno dei “pezzi” più affascinanti della storia di Lecce.

L’Amministrazione comunale ha accolto la nuova proposta di Mediafarm, azienda operante nell’ambito ICT, Comunicazione e New Media che ha chiesto di poter fare il bis, dopo lo straordinario successo di visitatori avuto lo scorso anno. Come sempre, si è offerta di garantire a costo zero per il Comune l’aperta al pubblico del complesso, pensando a tutto dall’accoglienza all’assistenza tecnica per la gestione e l’utilizzo delle attrezzature multimediali, senza dimenticare le guide turistiche.

Come e quando visitare le mura urbiche

Sono previsti almeno 8 turni di visita al giorno, composti da massimo 25 persone, a partire dalle 15.30 e fino alle 20.45. In almeno 4 di questi turni il servizio prevede l’accompagnamento di guide turistiche a pagamento a cura della stessa società e in 2 turni l’accesso libero con prenotazione ad un numero Whatsapp dedicato 24 prima della visita. Un turno sarà dedicato anche esclusivamente alle guide turistiche organizzate riconosciute dalla Regione Puglia, che avranno completato la prenotazione 24 ore prima, per i loro clienti, verificata la disponibilità dei posti.

Sia nel caso dell’accesso libero che delle visite con guide organizzate, i visitatori potranno usufruire dei dispositivi di videoproiezione in modalità di riproduzione automatica.

Il prezzo dei biglietti per le visite a pagamento è di 10 euro (5 euro il prezzo ridotto e 4 euro a testa per i gruppi con guide turistiche organizzate).

«Nelle more della pubblicazione del bando di gestione delle Mura – dichiara l’assessore alla Cultura Fabiana Cicirillo – che abbiamo rinviato per via dell’incertezza dovuta all’emergenza sanitaria, replichiamo la positiva collaborazione dello scorso anno con la società Mediafarm, passando però all’apertura quotidiana del complesso e non solo limitata ad alcuni giorni della settimana, come avvenuto finora. Per tutta l’estate, fino a settembre inoltrato, uno dei nostri beni monumentali più preziosi sarà aperto al pubblico ogni pomeriggio con diverse modalità di fruizione. Un’operazione a costo zero per il Comune che ci permette di aggiungere anche le Mura all’offerta culturale della nostra città nell’estate della ripartenza e della ripresa per tutti».



In questo articolo: