Arriva la seconda edizione del Festival Salento Classica

Al via la seconda edizione del Festival Salento Classica organizzato dalla Fondazione ICO Tito Schipa. Primo appuntamento domenica 7 settembre al Cortile dei Celestini, ore 21.00

Ritorna la seconda edizione del “Festival Salento Classica “ nel segno di Beethoven, organizzato dalla Fondazione ICO  Tito Schipa, con la direzione artistica di Ivan Fedele e che vedrà l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa impegnata in cinque concerti dal 7 al 27 settembre.

Protagonisti, al Cortile di Palazzo dei Celestini a Lecce, il 7 settembre 2014, ore 21.00,  il pluripremiato pianista Pietro De Maria, interprete del primo concerto e il direttore d’orchestra  Stanislav Kochanovsky .

Stamattina, è stato presentato il programma e il progetto del Festival, durante la conferenza stampa che si è tenuta a Palazzo Adorno, a cui sono intervenuti il Vicepresidente e Assessore alla Cultura Simona Manca, il Direttore Amministrativo della Fondazione ICO Tito Schipa, Grazia Manni e il critico musicale Eraldo Martucci. Presente anche Luigi Coclite, Assessore Turismo, Marketing Territoriale, Spettacoli ed Eventi.

La città di Lecce ospiterà questo evento, risplendendo nella sua completezza di città barocca e per questo piena e affollata di turisti, soprattutto in queste giornate di maltempo, tanto che Ivan Fedele si chiede  come “una città così non può non offrire qualità”, proprio in funzione del turismo, caposaldo del Salento.

Lo stesso Fedele, Direttore Artistico della Fondazione Ico Tito Schipa, spiega che “ seguendo la formula proposta nel 2013, la seconda edizione del Festival vedrà l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa impegnata, dal 7 al 27 settembre, in cinque concerti diretti dal maestro Kochanovsky, giovane direttore russo che ha bruciato le tappe della carriera  debuttando in tutte le più importanti orchestre  e teatri del suo paese e sviluppando parallelamente alle sue attività in Russia, una prestigiosa attività internazionale.”

Il costo dell'abbonamento ai cinque concerti, come ricordato da Grazia Manni ed Eraldo Martucci,  è solo di 40 euro ( 30 euro il ridotto),  un prezzo irrisorio per un evento dal profumo internazionale, ma al contempo salentino.



In questo articolo: