La musica come dono, concerto al Vito Fazzi di Lecce per i piccoli pazienti

L’evento vede il patrocinio del Comune di Lecce e della Asl di Lecce. Al concerto ci sarà anche l’arcivescovo di Lecce Mons. Michele Seccia.

Quale esperienza più emozionante del donare? E il dono è proprio il filo conduttore del concerto di Natale a scopo benefico organizzato per i piccoli pazienti dei reparti pediatrici del Vito Fazzi di Lecce, insieme agli ospiti de La Nostra Famiglia. Il tutto accadrà il 15 dicembre alle ore 19:30 presso la Cappella dell’ospedale grazie all’associazione “Cuore e mani aperte per chi soffre Onlus”

Come spiegato in conferenza stampa, l’evento è a scopo benefico, ma non mira a raccogliere fondi, quanto piuttosto a regalare un sorriso, un’ora di gioia a chi vive nella difficoltà della malattia. Il pensiero è rivolto non soltanto ai bambini, ma anche alle loro famiglie che hanno il diritto a vivere un momento di serenità tra gli ostacoli quotidiani.

Ad intervenire alla conferenza stampa di presentazione dell’evento il direttore sanitario del Vito Fazzi, dott. Gianpiero Frassanito che con orgoglio ha pensato a tutti gli appuntamenti che hanno caratterizzato e caratterizzeranno il calendario dell’Azienda sanitaria leccese “perché è vero che al primo posto c’è la cura, l‘approccio clinico-terapeutico, ma è anche vero che è importante l’accoglienza che si riserva al paziente con tutto il suo carico umano e di sofferenza”.

Il dott. Frassanito ha anche rilanciato all’indirizzo di don Gianni Mattia, presidente dell’associazione che organizza l’evento ‘Cuore e mani aperte verso chi soffre’, “la necessità di organizzare una riunione stabile, una cabina di regia per coordinare al meglio tutti gli eventi che si organizzano nel corso dell’anno”.

Da qui il prof. Emilio Filieri, che condurrà l’evento di sabato sera, ha voluto sottolineare come “il regalo sia una cosa, il dono un’altra. Il regalo mette al centro l’oggetto materiale, il dono il gesto d’amore e di compartecipazione emotiva”.

Un concetto che è stato sottolineato anche dal direttore artistico del concerto, il Maestro Massimo Scardia che dirigerà i tre cori che si esibiranno nel corso della serata: Canta ca te passa, Canterò per te, SimplyGod. “Lo abbiamo chiamato concerto – ha affermato il maestro Scardia – perché si tratta di un’esibizione che vedrà impegnati i tre cori e alcuni nostri bravissimi strumentisti, ma i protagonisti saranno i bambini con le loro famiglie. Il mio intento è riuscire a coinvolgerli e farli cantare. Non vogliamo raccogliere fondi, ma donare una festa, un sorriso. Proprio per questo non abbiamo scelto un teatro, ma la cappella dell’ospedale che è aperta a chiunque voglia condividere questo momento. L’accesso è con invito soltanto per esigenze organizzative e di spazio. Ringrazio i volontari della ClownTerapy e gli Scout della Chiesa Madre di Squinzano che svolgeranno l’importante funzione di accoglienza ospiti”.

Tanti doni per i piccoli spettatori

Tutti i bambini al termine della serata riceveranno un dono direttamente da Babbo Natale che distribuirà un “dolce” cadeau offerto da un’azienda privata che non vuole essere menzionata, ma che ha voluto offrire il proprio pensiero.

Gli alunni dell’Infanzia – di 3, 4 e 5 anni- del IV Circolo didattico S. Castromediano di via Cantobelli a Lecce hanno realizzato un album che verrà donato ai bambini ed è tutto da colorare!

“La musica riscalda il cuore ed è per questo che da anni pratico con i miei cori la Fisioterapia dell’Anima – ha affermato Massimo Scardia –Sì, la musica come dono e come conforto al dolore”.

Ospite della serata la cantautrice di fama internazionale Dajana che ha scelto di “donare” il suo talento a Dio, quando tempo fa, a causa di vicende personali, ha toccato con mano la sofferenza. “Ho conosciuto la sofferenza dell’attesa, della mancanza di certezza nel sapere o meno se il tuo bambino sopravviverà – ha raccontato con gli occhi lucidi l’artista – ed oggi chiedo a don Gianni come faccia a raccogliere ogni giorno tanto dolore. Ma sono certa che Dio sa rigenerarlo per aiutarlo a donare amore e sorrisi a chi ne ha bisogno”.

Dajana interpreterà “Speranza in te” brano scritto dal Maestro Scardia e da sua moglie Sandra, insieme all’Ave Maria di Gounod, primo singolo dell’album Madre dell’amore pubblicato nel 2018.

Sarà un’ora di musica, di brani natalizi, ma soprattutto di gioia nel donare.

di Silvia Minerva e Lucrezia Taurino



In questo articolo: