‘Tutto chiaro mai riposa’. Lecce si concede ad un attacco futurista

L”™arte urbana come invito alla riflessione in continuità con il manierismo del capoluogo salentino. Palloncini impigliati accanto a Santa Chiara, farfalle intrappolate accanto a San Matteo. La provocazione è¨ servita

Oggi 5 luglio 2014 con la "chiara" luce dell'alba, in un angolo di storia accanto alla chiesa di Santa Chiara, un palloncino bianco si innalzerà nel cielo di Lecce e, poco più avanti, in un altro angolo,  vicino al sagrato della chiesa di San Matteo,  una rete metallica catturerà tante farfalle.
 
Con il passare del giorno gli interrogativi si susseguiranno e si rincorreranno …si tratta di un palloncino…o forse no? Si tratta di un nuovo ripetitore o, più probabilmente, di un ex-voto a Santa Chiara, protettrice delle comunicazioni?…e ancora … farfalle dai tanti colori o luci di una movida….che "mai riposa"?… O anche in questa caso…un altro ex-voto a San Matteo, protettore dei banchieri?
Cosa sono? Un oltraggio al barocco?

Interrogativi rimbalzeranno nei vari angoli della città, le autorità tenteranno di rassicurare….ma improvvisamente sarà “tutto chiaro”.
 
Con questo volantino vogliamo tranquillizzare tutta la cittadinanza, si tratta di una installazione di arte urbana che vuole essere un monito alla riflessione.

Una azione improvvisa rapida dal sapore futurista, un invito a svegliare le coscienze di una città che continua a specchiarsi nei “riccioli barocchi” della propria storia. Una presa di posizione per chi come noi ha scelto di vivere, attraversare e progettare questo territorio e reinterpretarlo in una nuova allegoria portatrice di nuovi significati.
 
Una cosa é certa, per vederci "chiaro" bisogna sbrigarsi… un alito di vento può liberare nuovamente il palloncino e le farfalle…portando con loro per sempre, il segreto di questa storia…dove é presumibilmente…"tutto chiaro" e tutto "mai riposa".
 
Per scoprire il mistero vi invitiamo a seguire le tracce: una traccia é un indizio, due tracce costituiscono una prova…e se i due edifici appartengono ad un unico proprietario….probabilmente presto si troveranno i mandanti e gli autori.