Mohicani, i Boomdabash pronti a conquistare l’estate con la regina delle hit, BabyK

C’è attesa per Mohicani il nuovo singolo- tormentone della band salentina che è pronta a conquistare l’estate con la regina delle hit, Baby K.

È sempre più difficile scegliere il tormentone dell’estate, ma tra le “summer hit” da cantare in spiaggia o in riva al mare un brano dei Boomdabash non manca mai. Quest’anno la band salentina ha deciso di conquistare le classifiche con BabyK. Il risultato è un nuovo singolo, «Mohicani», da venerdì 11 giugno in rotazione radiofonica e nei digital store. «Una canzone che prima di tutto intende regalare gioia, felicità, energia e good vibes allo stato puro», giurano.

Non sarà facile ripetere il successo ottenuto con l’amica Alessandra Amoroso – “Karaoke” ha collezionato cinque dischi di platino. milioni di visualizzazioni su Youtube e centinaia di balletti – ma gli ingredienti per scandire le giornate nella stagione più bella dell’anno ci sono tutti. C’è lo stile, reggae-pop, diventato un marchio di fabbrica del gruppo. C’è la grinta della band, ormai una garanzia. E c’è Baby K, altra hitmaker dai successi da record, che non ha bisogno di presentazioni.

Il pezzo, che rimanda alla dancehall tipica della Giamaica, sarà tutto da ascoltare, ma soprattutto da cantare. Avrà un sound accattivante che ci farà alzare il volume e un ritornello vincente che rimarrà subito impresso.

«Mohicani nasce dalla voglia d’estate che è in ognuno di noi, un brano connotato da un forte desiderio di fiducia e ripartenza verso il futuro, una canzone che porta con sé la speranza di farci tornare a sorridere, vivendo ogni attimo con una nuova e migliore consapevolezza» ha dichiarato la band salentina.

«La musica ha il grande potere di unire le persone e di regalarci emozioni positive cercando di distrarci dalle mille difficoltà quotidiane. Crediamo molto nel suo potere ‘salvifico’, molto spesso è proprio una canzone che riesce a farci sentire bene facendoci, anche solo per un attimo, dimenticare molti dei nostri problemi», concludono.



In questo articolo: