Da Otranto piovono critiche sulla gestione dei rifiuti sul territorio

Luciano Cariddi denuncia l’inefficienza nell’attuale gestione regionale dei rifiuti e nell’ATO Lecce e l’aggravio dei costi che ciè² comporta per i cittadini, anche alla luce dell’introduzione della TARES.

Il primo cittadino di Otranto non risparmia le sue considerazioni critiche sull’attuale gestione regionale dei rifiuti e nell’ATO Lecce, definendola inefficiente e causa del particolare  aggravio dei costi, anche alla luce dell’introduzione nel 2013 della TARES.
“Ci troviamo a dover rendere ormai esecutivo il regolamento sulla nuova tassa relativa ai rifiuti solidi urbani – scrive il sindaco Cariddi sulla Rubrica istituzionale Il sindaco informa – La TARES, prevista già dall’ultimo governo Berlusconi e mantenuta dai successivi, si applicherà per il 2013 e resta un’incognita su cosa potrà accadere per i prossimi anni, dato che si è sentito parlare sino ad oggi di service tax, mentre poi leggiamo che la nuova legge di stabilità ha introdotto la TRISE”.

Il prossimo Consiglio Comunale idruntino vedrà impegnata l’Assise nella discussione sulle previsioni regolamentari di cui dovrà dotarsi il Comune per calibrare al meglio la tassa sulle diverse categorie di immobili. “E’ da precisare – sottolinea Cariddi – che gli acconti sono stati già versati dai cittadini con due rate, in totale pari al 90 % di quanto era stato pagato nel 2012 a titolo di TARSU. Resterà ora da effettuare il versamento del conguaglio che sarà dovuto in base ai diversi nuovi criteri introdotti da questa imposta. Purtroppo si avrà certamente un aumento della tassazione in capo ai contribuenti”.

Un aumento che, come emerge dalle parole del primo cittadino, è dovuto in primis alla necessità, stabilita dal legislatore, di coprire interamente i costi legati al servizio di smaltimento dei rifiuti con il gettito proveniente dalla tassazione dei contribuenti. “Un obbligo, questo, che oltre a limitare ulteriormente, per i Comuni, la libera autodeterminazione nelle proprie gestioni di bilancio e dei servizi forniti, comporta l’impossibilità di ridurre la TARES in capo ai cittadini, anche se si avessero altre risorse di bilancio disponibili per far fronte ai costi di smaltimento” precisa Cariddi.
E ancora. Altro elemento che porta a far lievitare l’imposizione, è l’importo di 30 centesimi a mq che graverà su ogni immobile, somma che sarà incassata direttamente dallo Stato al momento del versamento da effettuarsi con il modello di delega F24.
“Su questo aspetto – afferma ancora il sindaco di Otranto – occorre rilevare come in questi ultimi anni si sia spesso parlato di federalismo, dando per intendere una maggiore autonomia ai livelli istituzionali periferici, mentre nella realtà si è proceduto con un irrobustimento del dirigismo centrale.  Infatti sia con l’IMU che con la TARES sono stati chiamati i Comuni ad agire da esattori per conto del Governo, ribaltando così agli enti locali la responsabilità dell’accresciuta imposizione”.
“Ma occorre essere sinceri sul fattore che, più di tutti, incide sulle tasche dei cittadini – conclude tagliente – l’incremento esponenziale registratosi in questi ultimi anni nei costi del ciclo dei rifiuti previsto per il nostro territorio. Probabilmente sarò ripetitivo con questa mia denuncia, ma continuo a vedere grandi lacune, da un lato, nel ciclo impostoci dalla Regione Puglia, e dall’altro, nei progetti e contratti messi in essere dalle diverse ATO / ARO. E’ inammissibile imporre obblighi organizzativi ai Comuni e ai cittadini per raggiungere determinati livelli di differenziata quando l’impiantistica prevista per un compiuto ciclo dei rifiuti ancora non è adeguatamente disponibile. Infatti, con l’attuale sistema di impiantistica disponibile e con la pessima organizzazione dei metodi di raccolta, la Puglia si assesta intorno al 22% di rifiuti differenziati, a fronte di un obiettivo datosi pari al 65%”.

E al danno si aggiungerebe anche la beffa. “Ai Comuni verrebbe applicata una sanzione (ecotassa) per il mancato raggiungimento dei livelli stabiliti di differenziata, quando questi sono, di fatto, spogliati da qualsivoglia ruolo nella gestione dei servizi di raccolta e smaltimento, che vengono realizzati, invece, dalle ATO / ARO. Ma ciò che è assolutamente inaccettabile è il fatto che nonostante si differenzi il rifiuto (ormai anche con raccolta monomateriale), comunque i costi di smaltimento non si riducano. Il vero motivo della mancata riduzione dei costi, nonostante si differenzi, sta nel fatto che, come afferma lo stesso piano regionale dei rifiuti appena approvato, tutta l’impiantistica sia stata delegata alle aziende private che hanno fatto cartello, creando un oligopolio che ha permesso loro di praticare tariffe di smaltimento e di riciclo al di sopra di quanto si giustificherebbe in base al piano dei costi e di quanto scaturirebbe se si potesse operare in un ambito di vero libero mercato”.

Secondo Luciano Cariddi “E’ inaccettabile che si faccia pagare ai Comuni, per il ritiro di rifiuti riciclati quali vetro, carta, plastica e metallo, 50,00 euro a tonnellata (per la verità fino a poco tempo fa anche 200,00 euro a tonnellata), quando ai gestori del servizio di raccolta, dai consorzi che acquistano tali rifiuti per riciclarli, la stessa tonnellata viene pagata circa 200,00 euro. Praticamente le aziende guadagnano due volte: prima dai cittadini e poi dai consorzi. Auspico, da sindaco e da cittadino, che ci si voglia realmente approcciare a questo tema con serietà e competenza, da qui in avanti, affinché si riesca ad individuare percorsi virtuosi che consentano di limitare la produzione di rifiuti, da un lato, e a calmierare i costi di smaltimento, dall’altro, per poter, di conseguenza, ridurre la tassazione sui cittadini”.



In questo articolo: