Elezioni, italiani chiamati alle urne. Ecco come si vota con il Rosatellum

Il 25 settembre gli italiani saranno chiamati alle urne. Ecco come votare con il Rosatellum. Il modo più semplice è fare una X sul simbolo del partito desiderato.

Manca davvero poco al 25 settembre, giorno dedicato alle elezioni politiche per il rinnovo del Parlamento. Gli italiani che saranno chiamati alle urne dovranno confrontarsi con il «Rosatellum». Un candidato di coalizione, un listino bloccato legato a ciascuna lista, nessun voto disgiunto e una ripartizione dei seggi che dovrà tenere conto delle “quote rosa”: sono questi i punti salienti del sistema misto, maggioritario e proporzionale. Un’altra importantissima novità è che, per la prima volta nella storia, potranno votare per il Senato tutte le persone con più di diciotto anni.

Archiviati i tanto odiati “sondaggi” con le intenzioni di voto per non influenzare gli elettori e permettergli di scegliere liberamente i loro rappresentanti in Parlamento, da mezzanotte scatterà anche il silenzio elettorale, fissato da prassi il giorno prima del voto. Una giornata di ‘riflessione’ per i cittadini, garantita dalla legge. Sono vietati i comizi, la propaganda, le affissioni e lo ‘scambio’ di santini a meno di 200 metri dall’ingresso del seggio. Non si citano i social, perché all’epoca non esistevano. E questo da ampio spazio di manovra.

Come si vota?

Le indicazioni sulle modalità di voto sono riportate in un apposito rettangolo nella parte esterna della scheda elettorale, rosa per la Camera e gialla per il Senato.

Il consiglio è quello di mettere una croce sul simbolo. In questo modo, si sosterrà sia il candidato dell’uninominale sia il partito per quanto riguarda la parte proporzionale. L’alternativa è mettere un segno sul nome del candidato uninominale. Infine, è possibile mettere una X sia sul nome del candidato sia quello del partito

Non sarà possibile esprimere preferenze né è consentito il voto disgiunto, pena annullamento della scheda.

Si voterà domenica 25 settembre dalle ore 7.00 alle ore 23.00. Lo scrutinio inizierà subito dopo la chiusura dei seggi.



In questo articolo: