Nasce l’associazione ‘Cambiamo’ di Giovanni Toti, anche Federica De Benedetto saluta Forza Italia

Oggi, a Roma, presso lo studio del notaio Togna è stata costituita l’Associazione ‘Cambiamo’ . Ecco il primo passo ufficiale di Giovanni Toti che segna l’addio a Forza Italia

‘In questi anni, gli errori gravissimi fatti da persone catapultate sui territori senza conoscerli ha portato ad uno scollamento gravissimo tra Forza Italia e la sua gente. E ciò è testimoniato dal crollo dei voti. È il momento di invertire la rotta’.

Anche la salentina Federica De Benedetto sarà protagonista della nuova avventura politica che Giovanni Toti ha deciso di intraprendere tagliando i ponti con Forza Italia.

Nella giornata di oggi, a Roma, presso lo studio del notaio Togna è stata costituita l’Associazione ‘Cambiamo’ che vede il Governatore della Liguria come vero e proprio motore trainante.

Non c’erano più gli spazi per una mediazione tra chi vuole cambiare il partito di Silvio Berlusconi e il fondatore del suo partito insieme ai collaboratori fidati di sempre chi gli sono intorno.

Le proposte di Toti e di Mara Carfagna di democratizzare il partito, di istituzionalizzare le primarie come metodo per la scelta della nuova classe dirigente del partito e del Paese, non sono state accolte da Tajani, dalla Gelmini e dagli azzurri in generale più vicini al Presidentissimo. Sono sembrate, piuttosto, il solito tentativo di scalare il movimento, di raccogliere un’eredità che sembra di giorno in giorno assottigliarsi.

Giovanni Toti e Mara Carfagna – dice Federica De Benedetto a leccenews24.it – hanno provato fino allo stremo delle forze a portare avanti delle proposte di rinnovamento, proposte concrete e non fittizie, a cominciare dalle modifiche allo Statuto di Forza Italia per far sì che con uno strumento di consultazione dal basso si potessero cambiare le cose. Evidentemente non c’erano le condizioni e adesso è tempo di cambiare’.

Mentre il partito creato da Silvio Berlusconi nel 1993 guarda sempre più al centro e prova a costruire una federazione con i partiti centristi che hanno perso ogni riferimento costruendo il rassemblement che va sotto il nome di L’Altra Italia, Toti e la Carfagna sono convinti che bisogna ricostruire il centrodestra storico ora trainato da Salvini ma che avrebbe bisogno di una guida, a loro dire, più moderata e meno populista.

‘Esiste una comunità di centrodestra – conclude Federica De Benedetto – che vuole fermezza, decoro e determinazione senza urla e slogan. Lavoratori, liberali e riformisti che parlano prima con la testa e poi con la pancia. Da domani a lavoro per creare circoli in tutta la Puglia, #cambiamoinsieme!’

Sembrano insomma trovare sempre più compimento le parole di Francesco Merlo nell’Introduzione al libro su Forza Italia scritto da Fabrizio Cicchitto ed edito da Rubettino: siamo di fronte ad una vera e propria occasione mancata per il centrodestra di costituirsi in forza politica in grado di articolarsi in correnti e di prevedere un successore oltre al suo fondatore. Con la logica del ‘Silvio dopo Silvio’ il partito rischia di dilapidare non solo il consenso ma anche la fiducia di tanti Italiani.



In questo articolo: