Un Presepe al led al posto di quello tradizionale? Idee e Rinnovamento non ci sta: “Difendiamo le nostre tradizioni”

Scende il campo il movimento che si dice assolutamente contrario a questa ipotesi da parte dell’Amministrazione Comunale di Lecce.  

È alquanto contraddittorio ciò che apprendiamo su alcuni media locali. Ben venga l’organizzazione di piccoli eventi in centro e nei quartieri, con brevi momenti musicali e attività̀ di animazione rivolte ai bambini, ma troviamo incongruente e contraddittorio l’iniziativa di sostituire il classico Presepe con un’insegna a led, che rappresenterebbe in modo stilizzato la nascita di Gesù. Perché se il Comune di Lecce è in grado di gestire in base alle norme anti contagio il primo evento non lo può fare realizzando il tradizionale Presepe?”, con queste parole, Giancarlo Capoccia, Presidente del Movimento Idee e rinnovamento, commenta la notizia secondo qui, quest’anno, l’Amministrazione Comunale del capoluogo, sarebbe intenzionata a non realizzare il classico Presepe in Piazza Duomo, per sostituirlo, invece, con un’insegna luminosa-

Idee e Rinnovamento – prosegue la nota – intende difendere sia l’incolumità dei cittadini, sia la nostra identità e le nostre tradizioni. Che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i Valori che hanno fondato la nostra civiltà. Quello che noi siamo è in questo simbolo.

Crediamo nel rispetto, nella sacralità della vita, nella laicità dello Stato e nella solidarietà verso il prossimo.

Per questo – conclude il comunicato – chiediamo al Comune di Lecce, nel rispetto delle misure anti contagio di realizzare, come sta accadendo in moltissime altre città italiane, un Presepe tradizionale e non una mera rappresentazione a led”.