«Ma il Pd è in maggioranza?», acque agitate a Palazzo Carafa. L’affondo di Puglia Popolare

Dura presa di posizione del coordinatore provinciale di Puglia Popolare Luigi Mazzei contro il Partito Democratico dopo le polemiche che hanno riguardato la Lupiae Servizi guidata da Dino Pagliaro

Mazzei

«Semplici informazioni che un partito con due assessori e quattro consiglieri potrebbe ottenere dagli uffici con una semplice informazione diretta, si trasformano in roboanti e polemiche interrogazioni. Bastava prendere visione del cronoprogramma degli interventi di manutenzione stilato dall’Assessorato all’Ambiente e verificare se il lavoro fosse stato svolto in maniera impeccabile dalla Lupiae Servizi. Cosa che risulta documentata fotograficamente».

Che nella maggioranza di Palazzo Carafa a sostegno della Giunta guidata da Carlo Salvemini ci fossero modi diversi e in alcuni casi opposti di pensarla lo si era capito nelle ultime settimane. Le parole di Luigi Mazzei, coordinatore provinciale di Puglia Popolare lo confermano. Dopo le polemiche sui debiti fuori bilancio in ordine alle parcelle da pagare ad un avvocato del capoluogo, giunge un nuovo caso di attrito e di frizione legato alla manutenzione delle aree verdi affidato alla municipalizzata di città guidata da Dino Pagliaro, candidatosi al Comune nelle file di Puglia Popolare e poi dimessosi dopo che il sindaco lo aveva nominato a capo della Lupiae Servizi.

Mazzei non ha gradito il fuoco amico e non perde occasione di ricordarlo ad Antonio Rotundo che, riprendendo alcune segnalazioni, aveva attaccato la Lupiae ritenendo che certo lavori di manutenzione del verde pubblico non fossero stati fatti a regola d’arte.

«Credo sia evidente a tutti che il nuovo amministratore unico della Lupiae Servizi il dr. Alfredo Pagliaro abbia dato una svolta positiva alla società divenuta operativa ed efficace. Rotundo forse confonde le aziende che svolgono altra manutenzione del verde in città con la Lupiae. Tra le prerogative di un Consigliere Comunale vi è certamente quello di controllo e verifica dell’attività amministrativa, che andrebbe esercitata informandosi bene sulle segnalazioni e controllando, nel caso in questione, se i lavori siano stati ben eseguiti».

Sa quindi di provocazione quella di Mazzei che invita la maggioranza a riflettere sull’opportunità di affidare tutta la gestione del verde pubblico alla Lupiae proprio per consentire un controllo unico e complessivo degli interventi



In questo articolo: