Proiettile recapitato ad Antonio Conte, la moglie smentisce sui social: “È una bufala!”

A ricevere la busta contenente il proiettile, infatti, è stato il club nerazzurro che l’ha precisato con alcune dichiarazioni all’Ansa.

Nessuna minaccia per il tecnico leccese Antonio Conte. A smentire la notizia di questa mattina, secondo cui era stata recapitata una busta contenente un proiettile è stata la moglie dell’allenatore dell’Inter, Elisabetta Muscarello.

“Per la cronaca: la storia del proiettile è una bufala! E comunque in Italia siamo messi proprio male come comunicazione. Per la serie: mi alzo, invento e scrivo! Senza pensare mai alle conseguenze”. È quanto si legge sul profilo Facebook della moglie di Antonio Conte, poi ripreso dall’ANSA.

A ricevere le minacce, infatti, è stata l’Inter che lo spiega con una dichiarazione all’Agenzia di informazione. “In relazione alle notizie pubblicate oggi”, il club neroazzurro precisa che “Antonio Conte non ha ricevuto personalmente alcuna lettera minatoria e, di conseguenza, non si è recato in prima persona a sporgere denuncia. È stato il club a ricevere una lettera e, come da prassi in questo genere di situazioni, ha provveduto a rivolgersi alle autorità competenti”.

Intanto la Procura di Milano aveva aperto un’inchiesta a carico di ignoti per minacce aggravate e detenzione di munizioni.



In questo articolo: