Nardò-Gragnano 1-1, granata rimontati e incapaci di reagire. Per la salvezza si fa veramente dura

Ennesima occasione mancata per gli uomini di Bitetto. Permanenza diretta quasi impossibile. Bisogna lottare per un buon posto nella griglia Play Out.

Il Nardò spreca l’ennesima occasione per portarsi fuori dal tunnel della zona playout. Al “Giovanni Paolo II” la sfida con il Gragnano termina in parità, un risultato che con ogni probabilità pregiudica le speranze di salvezza diretta dei granata.

Formazioni

Mister Bitetto, senza lo squalificato Aquaro e gli indisponibili De Pascalis, Palmisano e Cordella, schiera un offensivo 4-3-1-2 con Rizzitano tra i pali, Frisenda, il rientrante Cassano, Giglio e Versienti in difesa, Prinari, Bolognese e Gigante in mediana, l’argentino Arario a sostegno della coppia d’attacco composta da Mingiano e Kyeremateng. Sul versante napoletano, mister Campana propone un prudente 5-3-2 con gli under Gassama e Procida sul fronte offensivo.

Primo tempo

Nella prima frazione domina l’equilibrio con poche occasioni da ambo le parti e molti errori individuali in fase d’impostazione del Nardò non sfruttati da un Gragnano ordinato solo a tratti.

Il primo tentativo è di marca napoletana con Procida che da 20 metri sfiora la traversa. All’11’ uno scambio in velocità tra Kyeremateng e Mingiano si conclude con un tiro dal limite di quest’ultimo bloccato a terra da Russo. Due minuti più tardi brivido per il Nardò con Versienti che, nel tentativo di rinviare un insidioso cross di Lopetrone, rischia l’autorete di testa. Al 25’ ci prova ancora Mingiano con un tiro in corsa su invito di Arario ma la conclusione sfiora il palo dalla sinistra dell’estremo difensore campano. Occasione per gli ospiti al 39’ con un colpo d testa ravvicinato di Chiariello che termina di poco alto sulla traversa. Si va al riposo con il risultato ancorato sul pareggio a reti inviolate.

Secondo tempo

I granata escono agguerriti dagli spogliatoi e schiacciano subito gli ospiti. Al 55’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, un tiro-cross di Bolognese dal limite si infila nell’angolo basso alla destra di Russo per il vantaggio dei padroni di casa. Da qui in poi si ripete un film già visto con la solita mancanza di determinazione per chiudere la partita. Mister Campana ridisegna lo scacchiere tattico della sua squadra inserendo Qehajaj e Achaval al posto di Grimaldi e Procida. Con il passare dei minuti i campani acquisiscono fiducia e grazie alle forze fresche riescono a raddrizzare la partita. Al 73′ La Monica si invola sulla fascia destra, serve Achaval che entra in area e crossa, il pallone trova un paio di deviazioni che favoriscono l’inserimento di Gassama che deposita comodamente in rete. Il Nardò è incapace di reagire e, a tempo scaduto, rischia anche di capitolare ma il colpo di testa di Martone sorvola la traversa.

Il triplice fischio manda in archivio un pareggio che serve a ben poco e che complica notevolmente la situazione del Nardò che nelle restanti quattro partite dovrà cercare di ottenere almeno il miglior piazzamento nella griglia playout.

SERIE D – Girone H: risultati 30ª giornata

Altamura – Nola 1-2 Az Picerno – Pomigliano 3-0 Ercolanese – Bitonto 1-2 Fidelis Andria – Fasano 2-1 Francavilla – Taranto 2-1 Gelbison – Audace Cerignola 0-0 Gravina – Savoia 0-1 Nardò – Gragnano 1-1 Sarnese – Sorrento 0-3

Classifica

Az Picerno 74, Audace Cerignola 65, Taranto 64, Bitonto 50, Savoia 49, Fidelis Andria 47, Altamura 44, Gravina 42, Fasano 40, Francavilla 40, Sorrento 37, Gelbison 34, Nola 33, Nardò 32, Sarnese 30, Gragnano 29,  Pomigliano 19, Ercolanese 12



In questo articolo: