Lecce, parla Braglia: ‘con la Lupa vincere e basta. Playoff? Andremo in ritiro’

Domani il Lecce chiuderà la stagione regolare con la sfida contro la Lupa Castelli Romani. Contro i laziali, in D da tempo,serve vincere e farlo bene. Braglia: ‘dobbiamo ripartire e per farlo posso anche cambiare qualcosa. I playoff voglio prepararli in ritiro, lontano da Lecce’.

È arrivata anche la vigilia dell’ultima partita di campionato per il Lecce. Domani, infatti, davanti al pubblico del ‘Via del Mare’ si chiuderà la regular season arriverà la Lupa Castelli Romani, poi saranno playoff.
 
Per i giallorossi la sfida contro i laziali, fanalino di coda in classifica e già retrocessi in tra i Dilettanti oramai da tempo, sarà l’ultimo ostacolo prima di definire la griglia di partenza. La classifica al momento vede i salentini al terzo posto, in condominio con la Casertana. Servirà quindi necessariamente una vittoria, anche corposa per avere ragione sulla differenza reti, per conservare la terza piazza e puntare, magari, al secondo posto.
 
Compito non agevole, soprattutto alla luce delle ultime prestazioni, non certamente brillanti, e per via delle assenze. Mister Braglia, infatti, oltre ai lungodegenti Freddi e Perucchini, dovrà rinunciare anche a Raffaele Alcibiade, ammonito durante la debacle di Benevento e quindi squalificato.
 
Non sarà convocato, poi, nemmeno Camisa: tra i papabili per una maglia da titolare contro la Lupa, infatti, nel corso dell’allenamento di ieri si è fermato per un risentimento muscolare e ha lavorato. Braglia lo lascerà a casa: dietro la soluzione potrebbe essere il terzetto Beduschi-Cosenza-Abruzzese, ma vista l’emergenza nella gara di domani (ore 16) il Lecce potrebbe anche schierarsi con una difesa a quattro.
 
‘Spero che domani si faccia una gara adeguata al momento – ha chiosato il tecnico toscano al termine della rifinitura di stamane. È sotto gli occhi di tutti che ultimamente stiamo facendo fatica, ma un dato è certo: stiamo nei playoff e non ce li porta via nessuno’. Guarda avanti con ottimismo Braglia che poi precisa: ‘in altre parti vedo che il raggiungimento dei playoff sia accolto come un successo e per questo non capisco il disfattismo che c’è qui. Comprendo che siamo il Lecce con la sua storia, ma ci sono pure gli avversari’.
 
Sul modulo Braglia non si sbilancia: ‘stiamo vagliando diverse situazioni, lo sanno anche i ragazzi. Magari, non da domani, si potrà anche giocare in maniera diversa, tenendo sempre presente che tipo di giocatori hai a disposizione. Di certo non rimango con le mani in mano. Curiale diffidato? Sì, per questo domani non sarà titolare: non voglio perderlo in ottica playoff’.
 
La gara di domani, ad ogni modo, è fondamentale per l’immediato futuro della stagione: ‘noi domani dobbiamo vincere – prosegue Braglia – e poi vedere cosa faranno le altre squadre. Certo, avrei fatto giocare tutti e tre i gironi in contemporanea. Ma pensiamo a noi: domani dobbiamo vincere e convincere. Poi ci proietteremo ai playoff. Come ho intenzione di preparali? Lontano da Lecce: ho chiesto alla società – conclude – di andare in ritiro. Voglio la squadra al massimo della concentrazione’.



In questo articolo: