Contro il Cosenza i giallorossi cercano il ritorno alla vittoria. Probabili Formazioni

Alle 18.30 andranno in scena sei partite del 30mo turno del Campionato di Serie B. tra le gare di oggi quella tra calabresi e salentini.

Parte oggi alle 18.30 la trentesima giornata di serie B che metterà di fronte il Cosenza di Bisoli contro il Lecce di Baroni

Turno infrasettimanale per i giallorossi allo stadio “San Vito – Gigi Marulla” di Cosenza, nella prima delle due trasferte consecutive previste in settimana.

I salentini, reduci da due pari consecutivi con Perugia e Brescia entrambi per 1-1, sono alla ricerca di una vittoria per tornare in vetta, dopo essere stati scavalcati dal Pisa nell’ultimo turno; i calabresi, invece, necessitano di punti vitali in ottica salvezza dopo l’ennesima sconfitta stagionale rimediata con la Ternana.

Mister Bisoli recupera Ndoj, Millico e Bittante, mentre resta out l’attaccante Gori, alle prese con una leggera miocardite dopo aver contratto il Covid a gennaio. Nell’undici titolare probabile l’impiego del grande ex di giornata Vigorito in porta, difesa a 3 con Hristov, Rigione e Vaissanen. In mezzo al campo Kongolo, Boultam e Palmiero con Situm e Sy sugli esterni mentre in attacco il tandem Laura-Larrivey.

Tra i convocati di Baroni non compaiono gli infortunati Gabriel, Bleve, Faragò, Di Mariano, Helgason e Tuia. Nonostante tutte queste assenze dovremmo vedere la formazione salentina schierata col solito 4-3-3 con Plizzari tra i pali, linea difensiva composta dalla coppia di centrali Lucioni-Dermaku e i terzini Gallo e Calabresi. Sulla linea di centrocampo dovremmo rivedere dal primo minuto Gargiulo e Majer affiancare il regista Hjulmand mentre in attacco, confermati nel tridente, Strefezza, Coda e Rodriguez.

Probabili formazioni

COSENZA (3-5-2): Vigorito; Hristov, Rigione, Vaisanen; Situm, Kongolo, Palmiero, Boultam, Sy; Laura, Larrivey. All. Bisoli

LECCE (4-3-3): Plizzari; Calabresi; Lucioni, Dermaku, Gallo; Majer, Hjulmand, Gargiulo; Strefezza, Coda, Rodriguez. All. Baroni

Arbitro: Livio Marinelli della sezione di Tivoli



In questo articolo: