Lucioni, “Mancato un pizzico di lucidità”. Baroni, “Gara poco fortunata”. Risultati e classifica della 25ma giornata

Al termine della partita persa dai giallorossi contro il Cittadella, il capitano dei salentini e i due allenatori fanno il punto. Oggi la ripresa

“Credo che ci sia stata poca lucidità nell’interpretare la gara. Basiamo le nostre azioni offensive sul possesso palla per andare a verticalizzare e con questa loro pressione non siamo stati molto puliti. Nonostante tutto abbiamo avuto le occasioni per ribaltarla, ma non ci siamo riusciti. Bisogna accantonare tutto e pensare subito a domenica” è un deluso capitan Fabio Lucioniil primo che si è presentato ieri sera nella sala stampa dello stadio “Via del Mare”, per commentare la brutta sconfitta interna del Lecce con il Cittadella, vera e propria bestia nera dei salentini.

“Il morale alto deve essere sempre la nostra certezza, fino a oggi abbiamo svolto un lavoro eccezionale e a livello mentale bisogna fare tesoro di questa partita. Sappiamo che il girone di ritorno e tutt’altro campionato e tutti cercano di battere il Lecce, adesso con spalle larghe dobbiamo affrontare il finale. Pronti-via abbiamo subito gol e poi ci siamo innervositi e perso lucidità, abbiamo cercato di buttare il cuore oltre all’ostacolo per pareggiare, non ci siamo riusciti, ma non bisogna fare drammi e analizzare cosa non sia andato. In occasione del primo gol a livello di distanza io e Hjulmand eravamo un po’ lontani, in questo spazio si è infilato bene Antonucci ed è stato bravo a capitalizzare in rete, avrei potuto spendere un fallo, ma dopo soli pochi secondi non me la sono sentita di interrompere il gioco e prendere il cartellino giallo”.

Soddisfatto per la gara dei suoi ragazzi l’allenatore della compagine padovana, Edoardo Gorini: “Credo che vada dato qualche merito al Cittadella, se il Lecce è stato confusionario, significa che abbiamo fatto bene ciò che si è preparato durante la settimana, penso siano più meriti nostri che demerito dei giallorossi e bisogna applaudire i miei calciatori per aver fatto una grande gara. Mancavano cinque titolari oggi, ma la più grande gratificazione per un allenatore è quando chi gioca meno entra e fa bene, significa che tutti sono pronti. Sono stato espulso perché ho esagerato, mi è ‘saltata un po’ la vena’, ma era chiaro a tutti che il corner per il Lecce non c’era”.

Ultimo a presentarsi ai giornalisti il tecnico dei giallorossi, Marco Baroni: “All’arbitro ho detto che il recupero era poco e che un giocatore del Cittadella, sulla battuta di un fallo laterale, è rimasto a terra per circa un minuto. Il portiere ha fatto una grande parata su Coda, la prestazione mi è piaciuta, ma non è stata fortunata. Abbiamo subito un gol dopo 30 secondi e sull’azione successiva abbiamo centrato la traversa. Abbiamo riaperto la gara un po’ tardi e poi ci sono state occasioni che non sono andate bene.

Il Cittadella è una squadra che mette pressione, aggredisce, spezzetta il gioco questo, ci ha portato ad accentrarsi e ho cercato di mettere dentro esterni per allargare l’ampiezza del gioco ecco perché ho inserito Ragusa e Rodriguez.

L’avversario ha colto il massimo risultato con il minimo sforzo, gli episodi non sono stati favorevoli, ma può succedere e spiace, la squadra ha provato fino all’ultimo, con una compagine che non ci ha fatto giocare, il volume di gioco è stato buono anche oggi, ma leggermente inferiore perché loro hanno chiuso gli spazi.

È chiaro che ha volte si concatena una serie di situazioni, siamo andati sotto per un episodio, loro hanno segnato subito, noi non siamo riusciti a raddrizzarla prima, con un po’ di fortuna non avremmo perso.

Non abbiamo giocatori da gara sporca, Coda ha sempre avuto un uomo addosso, ha fatto gol e sul tiro del possibile 2-2 il portiere ha fatto una grandissima parata. Va dato merito, però, anche all’avversario che da ottobre fa sempre punti fuori casa e significa che è andato dare fastidio a tutti e non è un caso che sia sempre lì, abbiamo giocato contro una squadra rognosa e non siamo stati fortunati. Hanno pressato tanto non solo sui centrocampisti, ma anche sui terzini”.

Risultati e classifica

Al termine della 25ma giornata, quindi, a causa della sconfitta, i giallorossi, visti gli scontri diretti, scivola dal primo al quarto posto, questi i risultati: Cremonese-Vicenza 0-0; Pordenone-Monza 1-4; Pisa-Parma 0-0; Alessandria-Perugia 1-2 e Spal-Ternana 5-1 (giocate martedì). Brescia-Ascoli 2-0; Lecce-Cittadella 1-2; Frosinone-Reggina 3-0; Benevento-Como 5-0 e Crotone-Cosenza 3-3 (giocate ieri).

Classifica

Brescia 47; Lecce, Cremonese e Pisa 46; Monza 44; Benevento 43; Frosinone e Perugia 41; Ascoli 39; Cittadella 38; Como 34; Reggina 32; Ternana 31; Parma 29; Spal 27; Alessandria 23; Cosenza 20; Crotone 15 e Vicenza 15; Pordenone 12.

Il Lecce tornerà ad allenarsi per preparare la gara contro il Monza questa mattina con una seduta all’Acaya Golf Resort.



In questo articolo: