Cittadella-Lecce 2-2, non basta la doppietta di Coda. I giallorossi portano a casa un pareggio sofferto

Dopo essere andati sotto i salentini rimontano con la doppietta dell’Hispanico, ma nella ripresa giungono il pareggio e qualche occasione di troppo per i veneti. Lunedì arriva il Monza.

A pochi giorni della gara contro il Vicenza che, nonostante alcune criticità, ha riportato alla vittoria i giallorossi, tempo di riprendere un po’ di fiato che capitan Mancosu e compagni questo pomeriggio sono scesi in campo nella sfida che li ha visti opposti al Cittadella.

Alla partita del “Tombolato”, mister Lanna, ancora una volta a guidare i salentini in panchina al posto di Corini, out causa coronavirus, è arrivato con non pochi problemi soprattutto nel reparto avanzato, viste le contemporanee assenze di Pettinari, Falco e del match-winner di domenica scorsa Rodriguez, ma in difesa recupera Dermaku, anche se il centrale ex Parma non ha i 90 minuti nelle gambe, il  tecnico carpigiano, però, opta per una mini rivoluzione a centrocampo con il ritorno di Henderson  e Bjorkengren tra i titolari in campionato.

La formazione inziale

Il Lecce è sceso in campo, quindi, con il consueto 4-3-1-2 con: Gabriel tra i pali, dfesa composta da Adjapong, Lucioni, Meccariello e Zuta; Henderson, Tachtsidis e Bjorkengren in mediana; Mancosu a sostegno delle punte Coda eStepinski.

Il primo tempo

Trascorrono solo 1 minuto e 16 secondi che i giallorossi mettono paura ai veneti. Coda prende palla dal limite e tira, Kastrati respinge sui piedi di Stepinski che deposita in rete, ma la posizione dell’attaccante polacco è viziata da fuorigioco e il Direttore di gara annulla. Due minuti più tardi il colpo di testa di Ogunseye è troppo centrale e viene parato in presa da Gabriel. Al sesto ci prova Mancosu dal limite, ma l’estremo padovano para.

Cittadella in vantaggio

All’ottavo i padroni di casa vanno in gol. Passaggio per D’Urso, il 10 del Cittadella viene lasciato libero di crossare per Ogunseye che prende il tempo a Zuta e di steat la mette dove Gabriel non può arrivare.

All’11mo granata a un passo dal raddoppio. Nuovo cross di D’Urso e Tsadjouta due passi dalla porta colpisce di petto, ma Gabriel compie il miracolo e respinge. Sulla ripartenza Coda prende palla e in posizione defila tira, ma il portiere del Cittadella para.

Il bomber torna al gol

Al 18mo arriva il pareggio dei giallorossi. Ripartenza salentina, coast to coast di Tachtsidis che giunto al limite dell’area allarga per Coda, il bomber ex Benevento si accentra e di destro trafigge Kastrati.

Al 29mo il colpo di testa di Vita va sul fondo. Al 30mo Occasionissima per i salentini. Cross con il contagiri di Mancosu per Stepinski, ma l’attaccante a due passi dalla porta manda di molto fuori. Al 37mo l’esterno di D’Urso va a lato. Al 40mo giallorossi a un passo dal vantaggio. Cross di Coda per Stepinski e tiro al volo di collo pieno della punta polacca respinta da Kastrati.

L’Hispanico in doppia cifra

Al 45mo arriva il vantaggio salentino. Lancio dalla propria trequarti di Tachtsidis per Stepinki che crossa all’indirizzo di Coda, il bomber, solo davanti a Kastrati non si fa pregare e con un piatto in controbalzo parta il Lecce avanti. Per la punta è il 10mo gol in campionato.

Il secondo tempo

Nella ripresa i giallorossi scendono in campo con lo stesso undici della prima frazione di gioco.

Il primo tiro del secondo tempo arriva solo al 55mo con la punizione dal limite di Mancosu respinta da un difensore avversario. Al 57mo il tiro dal limite di Proia va alto. Al 57mo i giallorossi vicini al terzo gol con il rasoterra di Adjapong di pochissimo a lato. Al 60mo occasionissima per il Cittadella. Cross di Ogiunseye e tiro al volo di Rosafio su cui Gabriel compie il miracolo. Sul corner il colpo di testa di Ogunseye va a finire sul palo con l’estremo brasiliano dei giallorossi che sta a guardare. Al 63mo il tiro dal limite di Steèpinski viene parato da Kastrati.

Tavernelli la pareggia

Al 64 arriva il pareggio del Cittadella. Cross di Donnarumma, i centrali giallorossi non intervengono e Tavernelli indisturbato colpisce di testa e porta i granata sul 2-2.

Al 69mo il tiro-cross di Rosafio è respinto da Gabriel. Al 76mo ripartenza dei padovani, Ogunsey giunge al limite e passa a Rosafio che, solo davanti al portiere, scivola al momento del tiro e consente la parata al 21 dei salentini. All’81mo granata vicini al vantaggio. Lancio lungo per Proia, il calciatore dei veneti si presenta solo davanti a Gabriel, ma il portiere sceglie alla perfezione il tempo di uscita e riesce a respingere. All’84mo nuovo miracolo di Gabriel che si supera sul tiro dal limite di Gargiulo. Al secondo minuto di recupero il tiro di Grillo da fuori termina alle stelle.

Una grande reazione dopo essere andati sotto, il pareggio, il vantaggio, ma poi il pari del Cittadella e la squadra in sofferenza, forze anche per la stanchezza. Al “Tombolato” i giallorossi fanno una buona gara e portano a casa un punto meritato, anche se, soprattutto nella ripresa, molto sofferto. Sembrerebbe, vista la prestazione che il periodo nero sia finalmente finito e la squadra salentina sia nuovamente pronta a scalare le posizioni in classifica. Purtroppo, però, ci sono ancora quelle disattenzioni difensive da correggere al più presto, visto che, anche oggi, gli svarioni del reparto arretrato hanno consentito le marcature avversarie (leggi QUI le pagelle). Adesso, messo alle spalle il 2020, è tempo di concentrarsi sulla nuova sfida del 4 gennaio, quando al “Via del Mare” arriverà il Monza di Silvio Berlusconi.



In questo articolo: