Lecce, contro lo Spezia rientra Calderoni: la formazione-tipo per l’assalto alla storia. Le probabili scelte

Alle ore 15 l’ultima gara di campionato tra Lecce e Spezia: in caso di successo i giallorossi taglierebbero il traguardo della promozione diretta. Calderoni torna in corsia, Majer favorito su Tabanelli.

Il giorno della verità è giunto. Alle ore 15 il Lecce ha un appuntamento con la storia: battere lo Spezia e ritrovare la Serie A perduta, in modo quasi brutale, 7 stagioni fa. Tutto il 90 minuti. A dirla così sembrerebbe di dare il via ad un film epico, ma del resto il campionato dei giallorossi, il primo in B dopo sei stagioni infernali in terza serie, di epico ha avuto tanto.

Ecco perché quello di oggi pomeriggio non è solo l’ultimo turno di un torneo (comunque vada) entusiasmante, ma è l’opportunità di un riscatto che un popolo interno, quello del Salento sportivo, desidera ad ogni costo. Un solo punto di vantaggio sul Palermo, il destino è nella mani di Capitan Mancosu e compagni: 3 punti per non pensare agli altri, ma soprattutto per dare il via ad una festa attesissima in città.

Fallito il primo match point del 1 maggio sul campo del Padova, i giallorossi hanno la possibilità di tagliare il traguardo delle promozione diretta davanti al pubblico amico che, per l’occasione, ha deciso di mostrare numeri che anche quella categoria tanto agognata, spesso, fa fatica a raggiungere. Sugli spalti del “Via del Mare” saranno in 30mila a spingere gli undici in campo che mister Liverani vorrà proporre dal 1′. E stavolta per il tecnico romano è pronta a ritornare la formazione-tipo.

Majer in vantaggio

Scontata la squalifica di Tachtsidis e recuperato al meglio Marco Calderoni, i salentini si schiereranno con il 4-3-1-2 marchio di fabbrica: Vigorito tra i pali, Venuti, Lucioni, Meccariello e Calderoni in difesa, il greco Tachtsidis tornerà a dirigere la manovra, affiancato da Petriccione e da Majer (quest’ultimo in vantaggio su Tabanelli); in avanti spazio a Mancosu alle spalle di Falco e La Mantia.

Occhio all’avversario di turno. I liguri non sono ancora matematicamente certi dei playoff e, c’è da giurare, venderanno cara la loro pelle sul campo della seconda in classifica. L’obietto del tecnico Marino è di spegnere gli entusiasmi salentini e, a giudicare dalle ultime prestazioni, i bianconeri hanno tutte le carte in regola per mettere in difficoltà i padroni di casa.

Pericolo Spezia

Sarà 4-3-3 per lo Spezia, che conta come unico dubbio l’impiego tra i titolari di Okereke. Lamanna in porta, quindi, Vignali, Ligi, Terz, e Augello in difesa, l’arcigno Mora in mezzo coadiuvato da Bartolomei e Ricci, Gyasi, Galabinov e Bidaoui tridente offensivo.

In un “Via del Mare” gremito in ogni ordine di posto (apertura dei cancelli a mezzogiorno), arbitrerà il signor Gianluca Aureliano della Sezione di Bologna. Calcio d’inizio alle ore 15.



In questo articolo: