Serie D, Foggia-Nardò 2-0: per i granata la salvezza si complica

Risultato maturato nei due tempi: Gibilterra nel primo e Tortori nel secondo condannano la truppa granata all’undicesima disfatta stagionale.

Si complica il cammino verso la salvezza per il Nardò che esce sconfitto 2-0 dallo “Zaccheria” di Foggia nonostante l’ultima mezzora di gara giocata in dieci uomini dai padroni di casa. Risultato maturato nei due tempi: Gibilterra nel primo e Tortori nel secondo condannano la truppa granata all’undicesima disfatta stagionale.

Formazione iniziale

Solito 3-5-2 per mister Foglia Manzillo: davanti a Milli agiscono Pantano, Trinchera e Stranieri; in mediana Cancelli, Danucci, e Trofo con Frisenda e Natalucci sulle corsie esterne; coppia d’attacco composta da Manfrellotti e Calemme.

Primo tempo

Dopo due minuti di gioco il Foggia passa in vantaggio: un maldestro retropassaggio di Natalucci regala il pallone a Gibilterra che sfrutta la disattenzione difensiva del Nardò e si invola verso la porta, trafiggendo Milli in uscita. Colpiti a freddo, i granata cercano di riorganizzarsi ma faticano non poco per trovare i varchi giusti complice anche una solida tenuta difensiva dei rossoneri che ricorrono al fallo sistematico per interrompere le trame offensive avversarie. Bisogna aspettare la mezzora per annotare sul taccuino l’unica occasione degna di nota di marca ospite: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Danucci stacca di testa ma Fumagalli è reattivo nel respingere la conclusione. La partita scorre senza ulteriori emozioni fino alla fine della prima frazione.

Secondo tempo

Non cambia il canovaccio con il Foggia a tenere il pallino del gioco e a rendersi pericoloso al 50’ con Gerbaudo che sfiora il palo con una conclusione dal limite. Un minuto dopo il Nardò manca clamorosamente il pareggio: cross dalla destra di Natalucci, un tocco di Viscomi mette fuori causa Fumagalli e libera Manfrellotti che si divora incredibilmente il gol sottoporta. Al 60’ il Foggia resta in dieci uomini a causa dell’espulsione di Gibilterra per somma di ammonizioni. I satanelli però non si perdono d’animo e al 63’ trovano il raddoppio: sponda di Anelli in area per Tortori che si coordina e batte Milli con un preciso rasoterra. Mister Foglia Manzillo mischia le carte inserendo Mengoli, Raia e Camara al posto di Trofo, Frisenda e Danucci. La mossa del tecnico granata non dà i frutti sperati con la reazione del Nardò che si limita ad un colpo di testa di Pantano terminato alto sopra la traversa. Non succede più nulla fino al fischio finale che giunge dopo 5 minuti di recupero.
Dopo due trasferte consecutive, domenica prossima il Nardò ritorna tra le mura amiche del “Giovanni Paolo II” dove ospiterà la Fidelis Andria che precede in classifica i granata di due punti.

SERIE D – Girone H: risultati 26ª giornata

Agropoli – Gravina 1-2
Altamura – Casarano 0-0
Bitonto – Brindisi 1-1
Fidelis Andria – Fasano 1-0
Foggia – Nardò 2-0
Francavilla – Nocerina 2-2
Gelbison – Audace Cerignola 2-1
Gladiator – Taranto 0-0
Sorrento – Grumentum 2-1

Classifica

Bitonto 55, Foggia 54, Sorrento 50, Audace Cerignola 49, Casarano 42, Taranto 40, Fasano 34, Gelbison 34, Gravina 34, Gladiator 33, Altamura 32, Brindisi 31, Fidelis Andria 29, Nardò 27, Grumentum 27, Nocerina 27, Francavilla 25, Agropoli 14



In questo articolo: