​Il Progetto ‘Il Noi’ sbarca a Roma, studenti salentini in udienza da Papa Francesco

Sono partiti nella notte alla volta di Roma alcuni studenti degli istituti del tricasino per partecipare questa mattina all’udienza con Sua Santità, Papa Francesco.

Sono partiti tutti insieme in pullman nella notte: direzione Roma, Città del Vaticano – per l’esattezza – dove un gruppo di studenti di diversi Istituti superiori del basso Salento ha incontrato, questa mattina, sua Santità Papa Francesco. Il lungo viaggio, i chilometri percorsi, la trepidazione poi l’emozione di incontrare personalmente il Vescovo di Roma. Un’emozione che non dimenticheranno mai i giovani alunni del Liceo “Girolamo Comi” e del "Giuseppe Stampacchia" di Tricase, dell’Iiss “Don Tonino Bello”  e dell’Istituto comprensivo di via Apulia, sempre nella cittadina. Presenti anche L'Istituto Comprensivo di Miggiano e l’Istituto di Istruzione Superiore Secondaria "Moccia" Nardo. Non poteva mancare la Fondazione Don Tonino Bello
   
Insomma, tutti i protagonisti de «il Noi», il progetto di legalità nel segno di Don Tonino Bello, Renata Fonte assassinata a colpi di pistola il 31 marzo 1984 a soli 33 anni perché aveva tentato di salvare la sua terra e strapparla alle speculazioni edilizie della criminalità e Antonio Montinaro, il galatinese a capo della scorta di Giovanni Falcone. Donne e uomini che hanno sacrificato la propria vita per combattere l’illegalità e la mafia, nel cui nome sono stati organizzati tanti eventi – come il viaggio della Leucadia Blu, la nave confiscata alla mafia e affidata in custodia giudiziale al Don Tonno Bello di Tricase – che si concluderanno a giuno.
  
Un fitto gruppo, accompagnato dagli insegnanti, che con compostezza ha preso parte prima all’udienza di Papa Bergoglio, poi allo spettacolo andato in scena nella Sala delle Udienze dedicata a Paolo VI, nota anche come Sala Nervi.
  
In viaggio verso casa, i fortunati studenti si renderanno conto di tornare più ricchi di prima. 



In questo articolo: