‘Discarica a cielo aperto nel centro di Lecce, turisti costretti allo slalom’. I cittadini chiedono a Guido più controlli contro ‘i furbetti della pattumella’

Un’ affezionata lettrice di leccenews24.it chiede l’intervento dell’Assessore all’Ambiente del Comune di Lecce per intensificare i controlli sui cittadini che non differenziano e sporcano le strade del capoluogo.

Non ce l’ha fatta a tacere e a stare in silenzio dinanzi al degrado, Giulia, nostra affezionata follower. Così ci ha inviato un tweet corredato da foto per raccontarci ciò che accade a pochi metri dalla sua abitazione e per esprimere soprattutto l’indignazione di cittadina leccese che ama la sua città e non sopporta di vederla deturpata dall’incuria di chi fa finta di non accorgersi che la raccolta differenziata è partita, che sta cominciando a funzionare anche bene e che servirebbe un comportamento civile da parte di tutti i cittadini, a cominciare dall’atteggiamento di chi probabilmente non è andato nemmeno a ritirare le proprie pattumelle dalla Monteco e deposita agli angoli della strada i sacchetti dell’indifferenziata che la notte gatti e cani randagi distruggono e trascinano per strada.

 Siamo a pochi passi da Piazzetta Conte Accardo, su cui si affacciano la Scuola Elementare Edmondo De Amicis e il Monastero delle Benedettine, proprio alle spalle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza. Tanti i turisti che attraversano quelle strade, in cui sono ubicati molti bed and breakfast oltre che ristoranti e attività ristorative in generale.

La spazzatura, senza alcun tipo di differenziazione, viene deposita lì ogni santo giorno alla mercè degli animali randagi. I turisti per attraversare quel tratto di strada devono fare lo slalom, perché a deturpare il tutto ci sono anche gli escrementi dei cani che molti incivili portano a spasso senza il kit necessario  per raccogliere i bisogni degli animali. Nelle vicinanze c’è pure una telecamera di sorveglianza: possibile che non la si possa usare per identificare gli autori di tali scempi? Speriamo che l’assessore Guido, che sembra un amministratore che si dà molto da fare in tal senso, non sottovaluti questa denuncia che affido a voi di leccenews24 e si metta al lavoro per ridare la giusta bellezza a questo angolo meraviglioso di città’.

Giulia non ne può più dell’inciviltà di chi non ama Lecce ma nemmeno della carenza di controlli: basta un giro di vite di qualche giorno e i comportamenti da viziosi possono invertire rotta e cominciare a divenatre virtuosi.
Mio figlio mi chiede: ma perché noi dobbiamo differenziare e quei signori buttano la spazzatura così a cielo aperto. Domanda: che esempio stiamo dando ai futuri cittadini di Lecce: che è inutile perdere tempo a separare i rifiuti tanto poi non c’è nessuno che se ne accorge e prende gli adeguati provvedimenti?



In questo articolo: