Merine, parla la manager de I Giardini d’Atena: ‘Lavoro per il rilancio della struttura malgrado le offese del Sindaco’

Interviene nel dibattito sulla struttura turistica presente all’interno del quartiere alla periferia di Merine, Marianna Pettograsso, responsabile della società che gestisce I Giardini d’Atena

«Sento l’esigenza di tranquillizzare il pubblico sui servizi che I Giardini di Atena continua ad offrire, nonostante la pesante crisi economica e sociale conseguente all’emergenza Covid e malgrado il polverone suscitato di recente dal Sindaco di Lizzanello sulla struttura mediante dichiarazioni inopportune che ritengo lesive della mia immagine e di quella della società che amministro».

Chiede di intervenire nel dibattito che si è alimentato su Leccenews24.it, Marianna Pettograsso, amministratrice della società che gestisce la struttura turistica all’interno del quartiere alla periferia di Merine, nel comune di Lizzanello, a pochissimi chilometri dal capoluogo salentino.

Dopo la vittoria dinanzi al Tar, l’amministrazione comunale si è mossa per aprire i cancelli che chiudono I Giardini d’Atena in entrata e in uscita, restituendo alla collettività la strada che li attraversa, una strada di proprietà del Comune e che è stata intitolata alla memoria di Simone Renda.

Per il Sindaco quella via deve essere consegnata alla libera fruizione dei cittadini. Secondo la manager che gestisce la struttura turistica quella lingua d’asfalto era stata chiusa per garantire sicurezza agli ospiti della location, tenuto conto del fatto che a pochi metri un’altra strada pubblica consente il transito veicolare da e per Merine.

Ma oltre a preannunciare ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar, Marianna Pettograsso si sofferma sulle parole del Sindaco Fulvio Pedone che, riferendosi a I Giardini d’Atena, aveva parlato di ‘fallimento societario e sociale’. Parole dure contro le quali si era anche espresso il consigliere pentastellato di opposizione Antonio Parlangeli, parlando di iniziative elettorali in ossequio alla campagna elettorale per le Regionali.

La responsabile della società che gestisce la struttura turistica chiede diritto di replica, al fine di fare chiarezza nei confronti degli ospiti presenti e futuri e di eventuali acquirenti con i quali è in contatto per rilanciare I Giardini d’Atena e renderli nuovamente polo ricettivo d’eccellenza.

Marianna Pettograsso

Le parole di Marianna Pettograsso

«La struttura da quando è iniziata la mia gestione, ossia dal lontano 2010, è stata sempre valorizzata e motivata al massimo, attraverso sforzi economici e tanto altro per rappresentare un polo ricettivo importante del nostro territorio e per il quale sono da tempo in contratto con investitori di rilievo per dare una nuova identità al complesso e riqualificare orgogliosamente il ruolo de I Giardini di Atena anche nell’interesse del Comune di Lizzanello. Non posso negare che mi sarei aspettata di essere affiancata in questo impegno dagli amministratori locali, ma sono stata costretta a ricredermi. Riguardo alla strada comunale che attraversa I Giardini, tengo a precisare che è sempre stata pulita, manutenuta e vigilata a nostre spese al fine di limitare l’accesso e l’introduzione di terzi estranei alla struttura, i quali venivano per scaricare in maniera non conforme i rifiuti, talvolta minacciando i miei dipendenti. La società che presiedo ha sempre mostrato un atteggiamento favorevole a Merine e particolarmente collaborativo, facendo usufruire alla collettività tutti i servizi che ha sempre reso, come ben noto all’amministrazione locale, la quale ha preferito invece con il primo cittadino screditare incomprensibilmente l’immagine sia della struttura che della sottoscritta!»



In questo articolo: