​Riconosce da una foto i gioielli rubati. Nei guai «amica di famiglia»

Guardando alcune foto, una signora di Squinzano aveva riconosciuto alcuni gioielli che le erano spariti da casa a febbraio scorso. A finire nei guai è¨ una 40enne brindisina denunciata a piede libero per ricettazione

I fatti risalgono a febbraio scorso quando una signora di Squinzano aveva avuto un’amara sorpresa, purtroppo non isolata: la donna aveva scoperto che la propria abitazione era stata, molto probabilmente, “visitata dai ladri” e che con gli ignoti malviventi avevano preso la “via della fuga” anche diversi monili: collane, bracciali, borse, un telefono cellulare e finanche una telecamera. Questi oggetti preziosi erano finiti tutti a San Donaci e San Pietro Vernotico, dove i Carabinieri li hanno cercati, ritrovati e finalmente restituiti alla legittima proprietaria. A beccarsi, invece, una denuncia a piede libero per ricettazione è stata una 40enne brindisina, M.E.S. queste le sue iniziali. Ma tra il prologo e l’epilogo, nel mezzo non poteva che esserci una circostanza alquanto curiosa.

Guardando alcune foto scattate con il figlio, la derubata aveva notato che tra le amiche e amici ritratti c’era anche una persona che indossava monili molto simili a quelli che le erano stati sottratti. Non c’è voluto molto per ricostruire la storia: una cena tra amici al termine della quale, evidentemente, alcuni dei presenti avevano pensato bene di portar via come cadeau qualche “souvenir”.

Fatta questa scoperta, la signora era corsa dai Carabinieri squinzanesi, che si sono immediatamente attivati per raccogliere tutte le informazioni utili per le indagini sino a ottenere un decreto di perquisizione dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce. Stamattina i militari si sono presentati presso due distinti domicili, entrambi risultati nella disponibilità della 40enne e, dopo una breve ricerca, hanno rinvenuto gli oggetti rubati, ora sotto sequestro.