Cade dalla scala, 28enne di Squinzano in ‘codice rosso’ al Fazzi

Ha improvvisamente perso l’equilibrio ed è caduto dalla scala su cui era salito per effettuare alcuni lavori. Un volo da un’altezza di circa tre, quattro metri poi la corsa in Ospedale. 28enne di Casalabate ricoverato al ‘Vito Fazzi’ di Lecce in gravi condizioni.

Una tranquilla giornata lavorativa per un 28enne di Casalabate ha improvvisamente preso una piega inaspettata quanto drammatica. L’epilogo, purtroppo, è una corsa a sirene spiegate a bordo un’ambulanza del 118, arrivata in codice rosso, il più alto nella ‘scala della gravità del paziente’, all’Ospedale ‘Vito Fazzi’ di Lecce.
 
Non è ancora del tutto chiaro cosa sia realmente accaduto all’interno dell’azienda agricola, situata sulla strada che porta alla vicina Torchiarolo, dove il giovane squinzanese stava lavorando. A cercare di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente saranno nelle prossime ore i Carabinieri della locale stazione che hanno raggiunto il luogo per effettuare tutti i rilievi del caso insieme agli ispettori dello Spesal cui spetterà, invece, il compito di accertare che tutte le norme in materia di sicurezza sul lavoro siano state rispettate.
 
Stando alle prime, sommarie, informazioni ricevute è possibile avere un primo quadro di quei momenti concitati. Pare, infatti, che l’uomo, mentre stava effettuando alcune mansioni di routine su una scala, abbia d’un tratto perso l’equilibrio cadendo rovinosamente al suolo. Un volo di circa tre, forse quattro metri, poi l’impatto particolarmente violento con il terreno.  
 
Quando i sanitari sul mezzo di soccorso hanno raggiunto l’azienda agricola indicata da chi ha richiesto il loro intervento, viste le condizioni dell’uomo, particolarmente preoccupanti, senza perder tempo hanno subito optato per il suo trasporto d’urgenza al nosocomio leccese dove il 31enne è tuttora ricoverato.
 
Alle forze dell’ordine  come detto, spetterà il compito di ricostruire la dinamica dell’incidente che ha scosso una tranquilla mattinata di giugno.



In questo articolo: