Allestiscono una serra di marijuana in casa, ma non hanno il “pollice verde” e le piante non crescono

La scoperta a opera dei Carabinieri che hanno sequestrato diversi vasi con le piante mai attecchite, ventilatori, lampade e diversi tubi. Indagini in corso per risalire agli autori.

Hanno piantato e coltivato, senza che alcuno si accorgesse di nulla, una vera e propria piantagione di marijuana, sfortunatamente per loro, non possono essere considerati contadini provetti e, nonostante le amorevoli cure, le piante non sono mai cresciute.

Accade a Racale, dove, i militari dell’Arma, hanno scoperto il tutto all’interno di una casa.

Da un po’ di tempo, diversi mesi, quella dimora risultava disabitata, i proprietari non si vedevano da tempo, ma nonostante tutto  in una stanza, ripetiamo, era stata allestita una serra per la coltivazione della sostanza stupefacente. Nonostante fosse disabitata, una delle finestre risultava sempre aperta e, per evitare che si vedesse qualcosa all’interno, era stata coperta con una tenda in alluminio molto doppia.

La scoperta è stata fatta dai Carabinieri che, una volta all’interno, hanno sequestrato, numerosi vasi con le piante mai nate e, insieme a quelli, lampade, ventilatori, tubi, insomma, tutto l’occorrente per fare sì che le piantine crescessero rigogliose per poi essere immesse sul mercato. Per fare sì, appunto, perché la coltivazione non è mai nata.

Quanto scoperto dai Carabinieri è stato sequestrato e sono in corso le indagini per scoprire l’identità di questi particolari coltivatori.



In questo articolo: