Eseguito ordine di carcerazione. Donna 64enne di Casarano a Borgo San Nicola

I Carabinieri della stazione di Casarano hanno arrestato una donna disoccupata e coniugata, over 60, e in ottemperanza ad un’ordinanza di esecuzione per la carcerazione l’hanno accompagnata presso la casa Circondariale di Lecce.

I Carabinieri della stazione di Casarano hanno arrestato una donna disoccupata e coniugata, over 60, e in ottemperanza ad un’ordinanza di esecuzione per la carcerazione l’hanno accompagnata presso la casa Circondariale di Lecce.

Nella mattinata di oggi, a Casarano, i militari della stazione locale, in ottemperanza ad un’ordinanza di esecuzione per la carcerazione emessa dall’Ufficio di Esecuzione Penale dalla Procura della Repubblica di Lecce, hanno tratto in arresto per furto aggravato e rapina, Giovanna  Proto, 64enne, coniugata, disoccupata, già nota alle forze dell’ordine. L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata tradotta presso la casa Circondariale di Lecce, dove dovrà scontare la pena di un anno e 11 mesi di reclusione.

La Proto, come dicevamo, è un volto noto alle forze dell’ordine salentine. Nel gennaio dello scorso anno, era stata sorpresa degli uomini dell’Arma, che operavano in località “Laurito”, a Scorrano, subito dopo aver asportato circa due quintali di legna da ardere custodita all’interno di un fondo agricolo di proprietà di un pensionato del luogo. La refurtiva recuperata era stata poi restituita al legittimo proprietario, mentre la donna era stata arrestata e sottoposta ad un regime di detenzione domiciliare presso la sua abitazione.

Qualche mese più tardi, durante la giornata di pasquetta, come raccontano molte cronache locali, i Carabinieri della Stazione di Castrignano del Capo l’avevano arrestata, con l’accusa di  rapina impropria, per essersi introdotta – per rubare denaro ed altri oggetti – in una casa presa in affitto da una  coppia di coniugi belgi che si stava godendo le festività pasquali a San Gregorio di Patù.



In questo articolo: